Cappelletti vegetali per la Vigilia di Natale

La mia famiglia ha origini ferraresi…siete mai stati a Ferrara?

…se non ci siete mai stati ci dovete assolutamente andare, perché è una città stupenda!

Dalla sua incredibile tradizione culinaria ho realizzato una versione adatta a noi di CAPPELLETTI IN BRODO VEGETALI:

Per la pasta:

  • 250 g di farina
  • 120 ml d’acqua
  • curcuma
  • sale

Per il ripieno:

  • 300 g di seitan
  • 100 g di tofu
  • noce moscata
  • pepe

Per il brodo vegetale:

  • 1 gambo di sedano
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 1 cipollotto fresco
  • vino rosso

Preparate il brodo vegetale cuocendo in abbondante acqua il sedano, la carota e la cipolla e il cipollotto tagliato in piccole rondelle.

Mettere la farina a fontana su una spianatoia, aggiungete una presa di sale e una spolverata abbondante di curcuma, aggiungete poco per volta l’acqua e impastate fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico, quindi lasciatelo riposare per 30 minuti.

Frullate gli ingredienti del ripieno con una abbondante spolverata di noce moscata.

Tirate la sfoglia e ritagliate dei quadratini di circa due centimetri, metteteci un pochino di impasto nel centro e piegate la pasta a triangolo quindi avvicinate le punte e stringete appiattendole, ottenendo il cappelletto.

DSC4403-640x426.jpg

Come fare i cappelletti

Portate ad ebollizione il brodo e cuocete i cappelletti, che saranno cotti quando verranno a galla.

Aggiungete del vino rosso per renderlo ancora più speciale!

Annunci

Un bel regalo di Natale!

A ottobre del 2014 ho scritto il mio primo libro.

L’ho scritto proprio per aiutare più persone possibili a convivere con una grave allergia alimentare o on un’intolleranza, ma anche semplicemente per suggerire qualche ricetta interessante a chi voglia fare una precisa scelta di vita anche in campo alimentare e per andare incontro a chi voglia seguire un regime alimentare sano o leggero, ma non per questo triste per il palato e monotono nei sapori.

Il grande libro delle ricette senza lattosio e proteine del latte

Il grande libro delle ricette senza lattosio e proteine del latte, Edizioni L’Età dell’Acquario 2014.
senzalatte-cupQuando si scopre di essere allergici o intolleranti al lattosio e alle proteine del latte, la prima domanda che ci si fa è: «E adesso cosa mangio?». Perché moltissimi alimenti contengono latte, lattosio, siero di latte, latte in polvere o derivati, sia come ingredienti effettivi che come conservanti naturali. Ci si sente così di fronte a una scelta comunque svantaggiosa: mettere in pericolo la salute o cambiare radicalmente in peggio la qualità della vita. In realtà, una situazione che all’inizio può mettere in grave difficoltà può trasformarsi in un’occasione per rinnovare la propria idea di cucina e per acquisire maggiore consapevolezza riguardo agli ingredienti che utilizziamo ogni giorno. Dopo un’interessante introduzione sulle intolleranze e le allergie alimentari, su come riconoscerle e viverle serenamente, con molti utili consigli per chi si trova ad affrontare una dieta (e una vita!) tutta nuova, l’autrice propone un’ampia scelta di ricette stuzzicanti e appetitose – tra antipasti, primi, secondi, contorni, dressing e dolci –, per intolleranti non solo al lattosio ma anche al glutine, per i vegani e per tutti coloro che condividono la loro vita e le loro scelte, ma non vogliono rinunciare ai piaceri del palato. Anche senza il latte, la cucina può restare una fonte di soddisfazione e di gioia.

A distanza di un anno, a ottobre 2015, è uscito il mio secondo libro, dedicato completamente ai dolci e naturalmente senza latte.

99 dolci senza latte99 dolci senza latte, Edizioni L’Età dell’Acquario 2015.
senzalatte-cup«Sei allergico al lattosio?! Oh, poveretto, non puoi mangiare nemmeno un dolce…». E invece no, anche gli allergici e gli intolleranti potranno finalmente concedersi deliziosi peccati di gola… anzi, se ne potranno concedere addirittura novantanove! In questo libro troverete infatti altrettante ricette dolci e golose − persino sane e un po’ dietetiche −, prive di latte, lattosio e derivati, in parte (quaranta di esse) adatte anche ai vegani perché senza ingredienti di origine animale.
Novantanove ricette buone, leggere e semplici da realizzare, che non hanno nulla da invidiare alla tradizione della pasticceria italiana e internazionale. Nessuno, fra i vostri commensali, si accorgerà che non contengono latte e burro. Rimarrà un vostro piccolo segreto!
Cosa state aspettando allora? Mettetevi ai fornelli e sfatate il mito dei dolci poco golosi e privi di sapore per intolleranti. Coccolatevi con bavaresi alla gelatina di fragole, bignè alla crema, bombolini al cioccolato, budini, cannoli e molto altro!

ZUPPA DI PISELLI

Una zuppa di piselli, delicata e salutare per pranzo!

  • 500 g di piselli
  • 1 cipolla
  • 2 spicchi di aglio
  • 8 foglie di menta
  • 350 ml di brodo vegetale
  • 350 ml di latte di cocco
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale

Preparate il brodo vegetale.
Tagliate la cipolla a fettine sottili e fatela stufare 2 minuti in pentola con gli spicchi di aglio spellati e tritati, un filo di olio e una presa di sale.
Unite i piselli e aggiungete il brodo, le foglie di menta, il latte di cocco e lasciate sobbollire per 30 minuti.

vellutatapiselli

Zuppa di piselli

Passate il tutto in un passaverdure, quindi frullate il tutto fino ad ottenere una crema vellutata, quindi servite.

Un albero natalizio in tavola!

Un piccolo albero di Natale adatto alla vostra tavola! Eccolo!

Buono e facile da preparare!

TORTA SALATA ALBERO DI NATALE:
  • 2 rotoli di pasta sfoglia

  • cataglogna

  • bietola
  • 1 vasetto di yogurt di soia

  • 1/2 spicchio di aglio

  • lievito alimentare

  • sale

  • curry

  • olio extravergine d’oliva
  • pistacchi salati

Sbollentate le verdure in acqua calda salata per qualche minuto, quindi tagliatele a pezzettini.

Tritate l’aglio finemente; mettete le verdure in una padella insieme all’aglio, ad una presa di sale e una spolverata di curry e ultimate la cottura con un filo d’olio, quindi aggiungete una spolverata di lievito alimentare, 1/2 vasetto di  yogurt di soia e i pistacchi.

Stendete i rotoli di sfoglia tagliandogli a forma di albero di natale, su uno di essi Screen Shot 2015-12-08 at 00.32.21.pngstendeteci il composto di verdure e coprite con l’altra sfoglia avendo cura di chiudere bene le sfoglie tra loro, quindi tagliate i lati dell’albero a striscioline e arrotolatele per formare i rami dell’albero.

Decorate con i pezzi di sfoglia avanzati, spolverate con altro lievito alimentare e qualche pistacchio come pallina di natale, spennellate con lo yogurt rimasto e infornate per 20/30 minuti (fino a quando sarà dorato). 

Immancabili!

Profumo di feste natalizie?

…allora vuol dire anche profumo di zenzero!

BISCOTTI ALLO ZENZERO:

Per i biscotti:

  • 250 g di farina tipo “0”
  • 45 g di olio di semi di sesamo
  • 60 g di zucchero di canna
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 1 cucchiaino di zenzero in polvere
  • 125 ml di latte di riso
  • sale
  • limone

Per la glassa:

  • 100 g di zucchero a velo
  • 2 cucchiai scarsi di acqua tiepida
  • coloranti alimentari

Per preparare i biscotti setacciate la farina e aggiungete il bicarbonato, un una presa di sale, lo zucchero, la cannella e lo zenzero, quindi aggiungete anche l’olio e il latte, e infine una spruzzata di succo di limone; impastate e lasciate riposare l’impasto nella pellicola trasparente per 30 minuti in frigorifero.

Stendete la pasta ad uno spessore di mezzo centimetro, con degli stampini realizzate gli omini o forme natalizie e disponeteli su una placca rivestita con carta da forno, quindi infornate per 20 minuti a 180°.

omino-di-zenzero.jpgUna volta cotti lasciateli raffreddare completamente prima di decorarli con la glassa.

Per preparare la glassa setacciate lo zucchero a velo e scaldate leggermente l’acqua; in una ciotola aggiungete lo zucchero a velo, l’acqua e con uno sbattitore lavorare il tutto fino a quando lo zucchero si sarà sciolto completamente (se la glassa dovesse risultare troppo liquida e poco coprente aggiunge altro zucchero a velo, poco per volta; se dovesse essere troppo compatta aggiungere qualche goccia di acqua).

Se volete la glassa colorata aggiungete qualche goccia di colorante alimentare mescolando energicamente, quindi con una tasca da pasticciere o una spatola decorate i vostri biscotti.

“Stelle” in tavola!

Un primo natalizio perfetto…belli e buoni!

STELLE DI TORTELLI:

per la pasta:

  • 200 g di farina 0

  • olio extravergine d’oliva

per il ripieno:

  • 150 g di asparagi
  • 25 g di noci
  • 25 g di pinoli
  • 25 g di semi di girasole
  • salvia
  • alloro
  • olio extravergine d’oliva
  • salsa di soia

Mettete la farina in una terrina, unite un filo d’olio e  poco per volta acqua sufficiente ad ottenere un impasto liscio ed elastico.

Tritate grossolanamente le noci.

Cuocete qualche minuto gli asparagi al vapore, quindi tagliateli a pezzetti e fateli saltare in padella per qualche minuto con  le noci, i semi di girasole e i pinoli, un filo d’olio, la salsa di soia e qualche foglia di salvia; quindi frullate il tutto.

Stendete la pasta e create i vostri tortelli a forma di stella utilizzando uno stampino, bagnate i bordi con un po’ d’acqua, versateci un pochino di ripieno e chiudete con un altro pezzo di pasta a forma di stella.Screen Shot 2015-12-08 at 00.54.59.png

Fateli cuocere in abbondante acqua salata.

Nel frattempo scaldate un po’ di olio e fateci rosolare qualche foglia di salvia e di alloro, una manciata di pinoli e semi di girasole; una volta scolati i tortelli di stelle fateli saltare nell’olio qualche minuto e servite.

Vellutata IN zucca! ;-)

Amo la zucca, la sua delicatezza e il suo sapore, e poi è così bella che la si può “portare in tavola”!

VELLUTATA DI ZUCCA IN ZUCCA:

  • 1 kg di zucca
  • 4 carote
  • 4 patate
  • 1 scalogno
  • noce moscata
  • salsa di soia
  • olio extravergine d’oliva
  • anacardi

Svuotate e scavate la zucca intagliandola nella sua parte superiore, in modo tale da poterla usare come zuppiera.

Tagliate la zucca, le carote, lo scalogno e le patate a dadini, e fateli cuocere in pentola a pressione con acqua, salsa di soia e una abbondante spolverata di noce moscata per 20/30 minuti, quindi frullate il tutto e aggiungete gli anacardi sminuzzati grossolanamente e un filo di olio.

Servite la vellutata nella zucca intagliata.riempia-la-minestra-della-zucca-zucca-45863058.jpg