NOODLE DI RISO CON FUNGHI SHIITAKE

Mai provati questi particolari funghi?

In questo piatto ci stanno benissimo!

NOODLE DI RISO CON FUNGHI SHIITAKE 

Gli spaghetti di riso sono tipici della cucina orientale, in particolare di quella cinese, giapponese e indonesiana.

Il loro consumo apporta notevoli vantaggi per la linea: 70 g sono sufficienti per un pasto, saziano e non fevoriscono la fermentazione intestinale.

Un grosso vantaggio in cucina è la loro rapidità di cottura, poichè durante la lavorazione gli spaghetti di riso vengono precotti.

Per cucinarli basta immergerli per alcuni minuti in acqua bollente.

  • 200 g di noodle
  • 40 g di funghi shiitake
  • 1 pezzo di zenzero fresco
  • Coriandolo fresco
  • 1 scalogno
  • 1 rametto di coriandolo fresco
  • 1 l di brodo vegetale
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale

Pulite i funghi e metteteli in ammollo in acqua fredda per almeno 1 ora.

imgres.jpg

funghi shiitake

Preparate il brodo vegetale.

 

Tagliate lo scalogno a julienne, grattugiate lo zenzero.

Scaldate un filo di olio in una padella e fateci saltare lo scalogno.

Sciacquate i funghi e uniteli allo scalogno insieme allo zenzero grattugiato, quindi coprite con il brodo e fate cuocere a fuoco lento per 20 minuti.

Aggiungete i noodle al brodo, cuoceteli 1-2 minuti, aggiungete il coriandolo tritato finemente e servite subito.

PESTO DI PISTACCHI: MI PIACE!

I FUSILLI DI RISO INTEGRALE CON PESTO DI PISTACCHI sono buonissimi, dovete assolutamente provarli!

  • 320 g di penne di riso integrale
  • 70 g di foglie di basilico
  • 40 g di pistacchi
  • 80 ml di succo di sedano
  • 1/2 spicchio di aglio
  • Olio extravegine di oliva
  • Sale

Cuocete i fusilli in abbondante acqua salata.
Frullate il sedano fino ad ottenere una crema, quindi filtrate il suo succo.

pesto-di-pistacchi-620x350

pesto di pistacchi

Mettete i pistacchi, le foglie di basilico e l’aglio in un frullatore insieme al succo di sedano e frullate fino ad ottenere un composto omogeneo.
Aggiungete anche un filo di olio e una presa di sale, quindi condite i fusilli.

ZUPPA DI LENTICCHIE

Amo le lenticchie sia asciutte che in zuppa, questa ricetta è speciale.

  • 250 g di lenticchie
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • 1 cipollotto
  • Curcuma in polvere
  • Cumino in polveree
  • Zenzero in polverre
  • Tamari
  • Olio extravergine d’oliva

Lavate e tagliate le verdure in piccoli pezzi, mettetele in una pentola con un filo di olio  e fatele rosolare qualche minuto.

vellutata-di-lenticchie1

zuppa di lenticchie

Aggiungete le lenticchie e brodo vegetale o acqua coprendo il tutto, quindi portate ad ebollizione; abbassate la fiamma al minimo e cuocete per 20 minuti.
Aggiungete una spolverata di curcuma, di cumino e di zenzero, una spruzzata di tamari, lasciando cuocere per altri 5 minuti, quindi frullate il tutto e servite con un filo di olio.

Insieme tra forni e fornelli!!!

A ottobre del 2014 ho scritto il mio primo libro.

L’ho scritto proprio per aiutare più persone possibili a convivere con una grave allergia alimentare o on un’intolleranza, ma anche semplicemente per suggerire qualche ricetta interessante a chi voglia fare una precisa scelta di vita anche in campo alimentare e per andare incontro a chi voglia seguire un regime alimentare sano o leggero, ma non per questo triste per il palato e monotono nei sapori.

Il grande libro delle ricette senza lattosio e proteine del latte

Il grande libro delle ricette senza lattosio e proteine del latte, Edizioni L’Età dell’Acquario 2014.
senzalatte-cupQuando si scopre di essere allergici o intolleranti al lattosio e alle proteine del latte, la prima domanda che ci si fa è: «E adesso cosa mangio?». Perché moltissimi alimenti contengono latte, lattosio, siero di latte, latte in polvere o derivati, sia come ingredienti effettivi che come conservanti naturali. Ci si sente così di fronte a una scelta comunque svantaggiosa: mettere in pericolo la salute o cambiare radicalmente in peggio la qualità della vita. In realtà, una situazione che all’inizio può mettere in grave difficoltà può trasformarsi in un’occasione per rinnovare la propria idea di cucina e per acquisire maggiore consapevolezza riguardo agli ingredienti che utilizziamo ogni giorno. Dopo un’interessante introduzione sulle intolleranze e le allergie alimentari, su come riconoscerle e viverle serenamente, con molti utili consigli per chi si trova ad affrontare una dieta (e una vita!) tutta nuova, l’autrice propone un’ampia scelta di ricette stuzzicanti e appetitose – tra antipasti, primi, secondi, contorni, dressing e dolci –, per intolleranti non solo al lattosio ma anche al glutine, per i vegani e per tutti coloro che condividono la loro vita e le loro scelte, ma non vogliono rinunciare ai piaceri del palato. Anche senza il latte, la cucina può restare una fonte di soddisfazione e di gioia.

A distanza di un anno, a ottobre 2015, è uscito il mio secondo libro, dedicato completamente ai dolci e naturalmente senza latte.

99 dolci senza latte99 dolci senza latte, Edizioni L’Età dell’Acquario 2015.
senzalatte-cup«Sei allergico al lattosio?! Oh, poveretto, non puoi mangiare nemmeno un dolce…». E invece no, anche gli allergici e gli intolleranti potranno finalmente concedersi deliziosi peccati di gola… anzi, se ne potranno concedere addirittura novantanove! In questo libro troverete infatti altrettante ricette dolci e golose − persino sane e un po’ dietetiche −, prive di latte, lattosio e derivati, in parte (quaranta di esse) adatte anche ai vegani perché senza ingredienti di origine animale.
Novantanove ricette buone, leggere e semplici da realizzare, che non hanno nulla da invidiare alla tradizione della pasticceria italiana e internazionale. Nessuno, fra i vostri commensali, si accorgerà che non contengono latte e burro. Rimarrà un vostro piccolo segreto!
Cosa state aspettando allora? Mettetevi ai fornelli e sfatate il mito dei dolci poco golosi e privi di sapore per intolleranti. Coccolatevi con bavaresi alla gelatina di fragole, bignè alla crema, bombolini al cioccolato, budini, cannoli e molto altro!

CRESCENZA VEG

CRESCENZA VEG, per non farsi mancare neanche i formaggi, anche se abbiamo una allergia o intolleranza al latte e ai suoi derivati!

Un piccolo segreto per rendere il sapore molto simile alla crescenza di origine animale è usare il lievito alimentare in fiocchi, che serve a conferire un sapore particolare, che ricorderà molto quello del formaggio “tradizionale”.

  • 250 ml di latte di soia
  • 25 g di fecola di patate
  • 5 g di maizena
  • 30 g di panna vegetale
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • 1 pizzico di sale
  • 120 g di yogurt di soia
  • 1 cucchiaino di lievito alimentare a scaglie

Versate il latte di soia in un pentolino, unite l’amido di mais e la fecola di patate setacciati e mescolate le farine con il frustino, fino a sciogliere tutti i grumi.

Salate a piacere, aggiungete un cucchiaio di succo di limone, la panna di soia ed il lievito alimentare in polvere.

Panna vegetale fatta in casa: mixare 1 parte di latte di soia con 2 parti di olio di semi, fino ad ottenere una consistenza densa).

Portate il pentolino sul fuoco e, continuando a mescolare, cuocete fino al raggiungimento dell’ebollizione.

Rimuovete il pentolino dal fuoco, unite lo yogurt di soia e lasciate raffreddare per 2 ore.

 

 

img_2176

crescenza veg

PENNE DI FARRO AL SUGO SAPORITO

Un primo con un sugo saporito, ma con un cereale diverso dal grano duro: il farro.

penne-di-farro-con-sugo-piccante-di-cipollotto-pomodoro-e-lenticchie-2_thumb2

penne di farro

  • 320 g di penne di farro
  • 50 g di zucca cotta
  • 20 g di avocado
  • 30 g di pomodori secchi
  • Olive denocciolate
  • Olio extravergine di oliva

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata.
Tagliate le olive a rondelle.
Tagliate 20 g di pomodori secchi a cubetti.
Frullate la zucca con l’avocado e i pomodori secchi rimasti, quindi aggiungete le olive tagliate a rondelle e i dadini di pomodori secchi e condite la pasta.

Un sito utile a tutti coloro che “si amano” anche in cucina.

Un sito nel quale trovare informazioni, ricette, curiosità, eventi, libri, film, e tanto altro che può aiutare chi soffre di una allergia o intolleranza al lattosio e alle proteine del latte, ai celiaci, ai vegani e alle persone che semplicemente amano il proprio corpo e vogliono mantenersi in salute mangiando sano!

Vi aspetto!