Dove mangiare?

Per condividere con voi i posti migliori e più interessanti dove ho mangiato, gli angoli del mondo dove mangiare in sicurezza SENZA LATTE!

Sorgente: Dove mangiare: provati per voi!!!

dove mangiare provati per voi

dove mangiare – provati per voi

Annunci

Mozzarella di riso

Mozzarella di riso?

mozzarella vegetale

mozzarella vegetale

Buona, leggera e dalla consistenza inimmaginabile!

…mai provata?!?…fatela a casa con questa velocissima ricetta e poi ditemi se non ho ragione!

1 pomodoro
2 cucchiai di farina di riso
6 cucchiai di latte di riso
1 cucchiaio di burro vegetale
1 cucchiaio di panna vegetale
3 cucchiai di yogurt di soia
Lievito alimentare in scaglie

Sciogliete il burro vegetale in un pentolino insieme alla panna vegetale, aggiungete una spolverata di lievito alimentare in scaglie, la farina di riso e il latte di riso, e cuocete a fuoco lento mescolando continuamente; quando il composto diventerá cremoso togliete il pentolino dal fuoco e aggiungete lo yogurt di soia, quindi rimettetelo sul fuoco mescolando energicamente fino a quando filerá e formerá una palla.
Mettete la palla di composto in uno stampo unto e lasciate addensare in frigorifero per almeno 12 ore.
Tagliate il pomodoro a fette, tagliate a fette la mozzarella di riso, aggiungete un filo di olio e servite.

Colori=pomodori

Pomodori e colori?

pomodori

pomodori

  • 1 cucchiaio di alga wakame
  • 6 pomodorini
  • 20 pomodorini datterini gialli
  • 6 pomodori secchi sott’olio
  • 1 cucchiaino di aceto di mele
  • 12 foglie di basilico
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale
  • Pepe

Mettete le alghe in ammollo in acqua per 5/10 minuti.
Tagliate i pomodori a dadini, metteteli in una ciotola e conditeli con olio, sale e pepe.
Unite le alghe scolate e tritate finemente, mescolate e servite aggiungendo le foglie di basilico.

Caraibi a tavola.

Una macedonia speciale per sentirsi un po’ ai Caraibi in inverno! Vi piace l’idea?

  • 3 lime
  • 2 manghi
  • 1/2 papaya
  • 1/2 ananas
  • Rum
  • Foglie di menta
  • 1 cucchiaio di acqua gasata
  • Zucchero

    Caraibi

    Caraibi

Pestate le foglie di menta in un mortaio insieme alla scorza di lime, aggiungete un po’ di zucchero, il succo dei lime, una spruzzata di rum e l’acqua.
Tagliate la frutta a dadini e mettetela in un bicchiere, quindi versate sopra il mojito precedentemente preparato, mescolate e servite.

Un po’ di dolcezza fingerfood..una tira l’altra!

FRITTELLE DOLCI DI MIGLIOricetta_frittelle_crema.jpg

  • 250 g di farina di miglio
  • 100 g di Tofu
  • 100 g di uva sultanina
  • 50 g di anacardi
  • 50 g di pistacchi
  • 60 g di zucchero di canna
  • 150 g di latte di miglio
  • 2 arance
  • 1 limone
  • 1 mela
  • cannella in polvere
  • bicarbonato
  • sale
  • olio per friggere
  • zucchero a velo

Fate ammorbidire l’uva sultanina in acqua calda, nel frattempo tritate grossolanamente gli anacardi e i pistacchi, e grattugiate la mela sbucciata.

Frullate il tofu con lo zucchero, una abbondante spolverata di cannella, 1 pizzico di sale e il succo di 1 arancia fino ad ottenere una crema liscia, quindi aggiungete la frutta secca tritata.

Unitela alla farina la punta di un cucchiaino di bicarbonato, unite la crema di tofu poca alla volta, quindi aggiungete anche il latte di miglio, la scorza di 1 arancio e del limone, il succo del limone, l’uvetta strizzata, asciugata e la mela grattugiata fino ad ottenere una pastella morbida.

Cuocete le frittelle in abbondante olio aiutandovi con un cucchiaio, fino a quando saranno belle dorate, quindi spolverate con abbondante zucchero a velo.

Cibi crudi per il nostro sistema immunitario.

Rafforzare il nostro sistema immunitario è davvero semplice…non pensate sia così?!

Ecco come: mangiando cibi crudi! Semplice no?!

Mangiare cibi crudi ha grandi effetti benefici sul nostro sistema immunitario, visto che la cottura dei cibi li priva di molti nutrienti.

Con la cottura si modifica la struttura delle proteine, si disattivano anche gli enzimi, quindi la digestione sarà più lenta, le vitamine si abbassano fino ad annullarsi con la cottura (dal 10 al 100%), e questa forbice dipenderà dal grado di temperatura raggiunta e dalla durata del tempo di cottura, mentre i grassi vegetali, presenti negli oli e nei semi oleosi, sono invece prevalentemente insaturi (monoinsaturi o polinsaturi), e quando vengono trattati termicamente tendono a cambiare la loro struttura molecolare e a saturarsi.

E’ bene imparare ad abituarsi ad usare olio di condimento e semi a crudo.

Un esempio delizioso e semplicissimo?

Eccolo!

INVOLTINI DI ZUCCHINE:DSCN1856.JPG

  • 2 zucchine
  • 100 g di mandorle pelate
  • 1 limone
  • 1 spicchio di aglio
  • paprika in polvere
  • timo
  • dragoncello
  • olio extravergine d’oliva
  • erba cipollina

Tagliate le zucchine a fette sottili nel senso della lunghezza, quindi disponetele a strati in uno scolapasta con del sale per 1 ora.

Tritate il timo e il dragoncello; tritate anche le mandorle a farina e unite il succo del limone, l’aglio, una presa di sale, una spolverata di paprika, il timo e il dragoncello tritati, infine un filo di olio extravergine d’oliva.

Asciugate le zucchine e disponetele su un piatto vassoio, spennellate ogni fetta con un po’ di composto precedentemente preparato e arrotolatele su loro stesse chiudendole con un filo di erba cipollina.

cibi afrodisiaci?!?…non importa, basta che funzionino! ;-)

images.jpegEsistono davvero cibi afrodisiaci? in realtà questa risposta non ha molta importanza…l’importante è che funzionino!!! 😉

…Il cioccolato forse è il più famoso, a seguire il peperoncino…ma ce ne sono altri!

  • pinoli
  • zenzero
  • aglio
  • semi di anice
  • noce moscata
  • zafferano
  • ananas
  • cozze
  • vongole
  • ostriche
  • ginseng
  • mandorle
  • asparagi
  • banane
  • tartufo

Stanno effettuando ancora svariati studi sugli effetti afrodisiaci di molti cibi, ma sembra proprio che aggiungere con regolarità, ad esempio, un pizzico di peperoncino o di zafferano ai piatti possa garantire gli effetti sperati.

Ad esempio gli asparagi sono ricchi di potassio, di vitamine del gruppo B e di sostanze che favoriscono la produzione degli ormoni sessuali maschili e la virilità.

Oppure le banane, anch’esse ricche di potassio e anche di vitamina B6, due componenti fondamentali per la formazione del testosterone, contengono inoltre particolari enzimi che aiutano l’incremento della libido.

Il ginseng non solo è un perfetto tonico, ma stimola la circolazione e migliora l’afflusso sanguigno verso gli organi sessuali, infatti in Oriente è da sempre impiegato come viagra naturale!

Quindi date sfogo alla vostra “fantasia”…culinaria! 😉

cibi-afrodisiaci-1.jpg

…voi quali ingredienti “segreti” userete per la vostra “cenetta“?