Che colore e che sapore il radicchio!

Vi piace il radicchio con il suo sapore amarognolo?

Io ho iniziato ad apprezzarlo molto negli ultimi anni e questa versione ve la consiglio!

radicchio

radicchio

Radicchio marinato:

  • 4 cespi di radicchio rosso
  • 6 bacche di ginepro
  • 3 bicchieri di aceto di vino bianco
  • 1 bicchiere di olio extravergine di oliva
  • 2 cucchiai di zucchero
  • sale
  • 2 cucchiaini di pepe nero in grani

Portate ad ebollizione 2 litri di acqua con l’aceto, quindi aggiungete alcune bacche di ginepro, 1 cucchiaino di pepe, lo zucchero e i cespi di radicchio, lasciando cuocere per 10 minuti.

Scolate il radicchio e lasciatelo intiepidire, quindi tagliateli a metà e disponeteli in una pirofila con l’olio, una presa di sale, il cucchiaino di pepe rimasto ben schiacciato e le bacche di ginepro restanti, e lasciate macerare in un luogo fresco per almeno 10 ore.

 

Annunci

French Toast vegan

I veri buongustai americani, quando lo mangiano in giro lo chiedono “well soaked”, ovvero “ben inzuppato”!!!

  • 300 g di pancarrè
  • 2 banane
  • 65 ml di latte di avena
  • 65 ml di panna vegetale
  • 3 gocce di estratto di vaniglia
  • 1/2 cucchiaino di cannella in polvere
  • sale
  • 2 cucchiaini di zucchero
  • olio di semi
  • sciroppo d’acero

Mescolate le banane schiacciate con il latte, la panna, l’estratto di vaniglia, la cannella in polvere, lo zucchero e 2 pizzichi di sale, fino ad ottenere un composto omogeneo.

Intingete per qualche minuto le fette di pancarrè nel composto precedentemente preparato (fino a quando saranno completamente inzuppate).

Scaldate una padella con un filo di olio e fateci rosolare le fette di pancarrè su entrambe i lati a fuoco medio, facendole dorare bene.

French toast vegan

French toast vegan

Servite calde con una spruzzata di sciroppo d’acero.

Olio per la salute

Usare diversi oli può essere un aiuto in termini nutrizionali e salutari, oltre a dare un gusto diverso ai tuoi piatti!

Potete scegliere di condire la pasta con olio extravergine di oliva, e l’insalata con olio di noci, garantendovi grassi buoni, salutari e preziosi antiossidanti.

Usare diverse qualità di olio (con moderazione!), può essere di aiuto al corpo per l’assorbimento di vitamine, riducendo anche il rischio di malattie cardiovascolari, ictus e pressione alta.

…donando, ovviamente, anche gusto ai piatti!

sesamo

sesamo

OLIO DI SESAMO: Quest’olio è composto da parti uguali di grassi mono e polinsaturi, e può avere un effetto positivo sia sui livelli di zucchero nel sangue, sia sulla pressione sanguigna, diventando un alleato prezioso per chi soffre di diabete o di pressione alta.

Per il suo sapore intenso se ne consiglia un uso parsimonioso.

Un blog utile: seguitemi!

Un sito nel quale trovare informazioni, ricette, curiosità, eventi, libri, film, e tanto altro che può aiutare chi soffre di una allergia o intolleranza al lattosio e alle proteine del latte, ai celiaci, ai vegani e alle persone che semplicemente amano il proprio corpo e vogliono mantenersi in salute mangiando sano!

Vi aspetto!

www.senzalatte.org

Dolce latte di nocciole fatto in casa.

Prepariamo il latte di nocciole insieme con solo 2 ingredienti!

  • 150 g di nocciole sbucciate
  • 1 l di acqua

Mettete le nocciole in ammollo con l’acqua a temperatura ambiente per una notte.

Una volta che le nocciole si saranno ammorbidite mettetele in un frullatore e aggiungete altra acqua fino ad arrivare ad 1 litro.

Frullate bene il tutto, filtratelo con un colino e conservatelo in una bottiglia di vetro.

latte di nocciole

latte di nocciole

Muffin mele e carote

Una merenda gustosa ma leggera?

Muffin mele e carote

Muffin mele e carote

Muffin di mele e carote.

  • 2 carote
  • 1 mela
  • 3 cm di zenzero fresco
  • 300 g di farina
  • 100 g di olio di semi
  • 150 g di sciroppo d’agave
  • 40 g di acqua
  • sale
  • 1 bustina di polvere lievitante per dolci

In una ciotola mescolate la farina, il lievito e una presa di sale.

Tagliate la mela a fettina piccole e sottili, e grattugiate lo zenzero fresco, quindi uniteli all’impasto.

Aggiungete anche l’olio, lo sciroppo d’agave e l’acqua; lavorate tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto omogeneo, quindi distribuitelo nelle pirottine di carta da forno e infornate a 180° per 20/30 minuti.

Potete usare anche farine diverse, combinandole tra loro, ad esempio quella di farro integrale, di miglio, di avena, di soia…sbizzarritevi!

Il mio primo libri cartaceo e online

A ottobre del 2014 ho scritto il mio primo libro.

L’ho scritto proprio per aiutare più persone possibili a convivere con una grave allergia alimentare o on un’intolleranza, ma anche semplicemente per suggerire qualche ricetta interessante a chi voglia fare una precisa scelta di vita anche in campo alimentare e per andare incontro a chi voglia seguire un regime alimentare sano o leggero, ma non per questo triste per il palato e monotono nei sapori.

Il grande libro delle ricette senza lattosio e proteine del latte

Il grande libro delle ricette senza lattosio e proteine del latte, Edizioni L’Età dell’Acquario 2014.
Quando si scopre di essere allergici o intolleranti al lattosio e alle proteine del latte, la prima domanda che ci si fa è: «E adesso cosa mangio?». Perché moltissimi alimenti contengono latte, lattosio, siero di latte, latte in polvere o derivati, sia come ingredienti effettivi che come conservanti naturali. Ci si sente così di fronte a una scelta comunque svantaggiosa: mettere in pericolo la salute o cambiare radicalmente in peggio la qualità della vita. In realtà, una situazione che all’inizio può mettere in grave difficoltà può trasformarsi in un’occasione per rinnovare la propria idea di cucina e per acquisire maggiore consapevolezza riguardo agli ingredienti che utilizziamo ogni giorno. Dopo un’interessante introduzione sulle intolleranze e le allergie alimentari, su come riconoscerle e viverle serenamente, con molti utili consigli per chi si trova ad affrontare una dieta (e una vita!) tutta nuova, l’autrice propone un’ampia scelta di ricette stuzzicanti e appetitose – tra antipasti, primi, secondi, contorni, dressing e dolci –, per intolleranti non solo al lattosio ma anche al glutine, per i vegani e per tutti coloro che condividono la loro vita e le loro scelte, ma non vogliono rinunciare ai piaceri del palato. Anche senza il latte, la cucina può restare una fonte di soddisfazione e di gioia.