Finocchi alla giuria…fantastici

@Pixabay

Il finocchio è un ortaggio fresco, di cui si consuma la base della pianta, detta “grumolo”, costituito da foglie bianche carnose; le sue foglie sono molto aromatiche e si possono usare per insaporire i piatti o usare i semi per guarnire pane e biscotti o per insaporire preparazioni complesse.

Si consuma tagliando semplicemente via la parte verde e il torsolo centrale, lavando delicatamente via la terra presente tra le foglie e mangiati sia crudi che cotti, saltati in padella, gratinati, brasati, impanati e fritti.

FINOCCHI ALLA GIUDIA:

  • 8 finocchi
  • 1 spicchio di aglio
  • olio extravergine di oliva
  • sale
  • pepe

Tagliate i finocchi a spicchi; soffriggete in olio lo spicchio di aglio e quando inizierà a scurirsi eliminatelo, quindi aggiungete i finocchi facendoli insaporire per 15 minuti.

Salate i finocchi, aggiungete un po’ di acqua tiepida, chiudete con un coperchio e cuocete a fiamma moderata fino a quando l’acqua si sarà asciugata.

Sei allergico o intollerante al lattosio? No problem!

«Sei allergico al lattosio?!

Oh, poveretto, non puoi mangiare nemmeno un dolce…».

E invece no, anche gli allergici e gli intolleranti potranno finalmente concedersi deliziosi peccati di gola… anzi, se ne potranno concedere addirittura novantanove!

In questo libro troverete infatti altrettante ricette dolci e golose − persino sane e un po’ dietetiche −, prive di latte, lattosio e derivati, in parte (quaranta di esse) adatte anche ai vegani perché senza ingredienti di origine animale.
Novantanove ricette buone, leggere e semplici da realizzare, che non hanno nulla da invidiare alla tradizione della pasticceria italiana e internazionale.

i miei libri

Nessuno, fra i vostri commensali, si accorgerà che non contengono latte e burro.

Rimarrà un vostro piccolo segreto!
Cosa state aspettando allora?

Mettetevi ai fornelli e sfatate il mito dei dolci poco golosi e privi di sapore per intolleranti.

Coccolatevi con bavaresi alla gelatina di fragole, bignè alla crema, bomboloni al cioccolato, budini, cannoli e molto altro!

“99 dolci senza latte” Ed. Età dell’Aquario

Antibiotici naturali…la Natura ce li dona!

Se iniziano i primi freddi potreste trovarvi nella condizione di non sentirvi in gran forma, ma non rivolgetevi subito agli antibiotici chimici, provate prima a rivolgervi alla Natura!
I migliori antibiotici naturali sono:

Il limone: le alte quantità di potassio e di vitamina C lo fanno essere un ottimo antibiotico, che ad esempio è di grande aiuto nel combattere il mal di gola.

La menta: al une ricerche hanno dimostrato che l’olio di menta è in grado di combattere 22 tipi di batteri.
Può essere consumata sotto forma di infuso, di olio o aggiunta in cucina alle nostre preparazioni.
Ideale per le infezioni orali.

L’aglio: possiede più di 60 proprietà curative per il nostro organismo, oltre ad avere una grande quantità di antiossidanti.
Elimina i batteri dal sangue mantenendo il nostro sistema immunitario in salute.

Il mirtillo: è l’ideale per trattare i problemi urinari.

La cipolla: grazie alle sue grandi quantitá di zolfo e flavonoidi è ottimo per i problemi respiratori come l’influenza, la bronchite e la faringite.

Lo zenzero: è molto potente per combattere gastriti o ulcere gastriche.

…dall’India grandi profumi!

Questa è una ricetta ci porta con il gusto nelle terre dell’India, con i suoi colori intensi, i suoi sapori speziati, dolci ed aromatici: il tofu al curry sarà una vera bontà dal gusto indiano!

150 g di tofu

tofu

1/2 cipolla

1 spicchio d’aglio

1 cucchiaino di zenzero in polvere

2 cucchiaini di curry in polvere

1 cucchiaino di curcuma in polvere

250 g di brodo vegetale

250 g di latte di cocco o di mandorle

200 g di uvetta o mandorle tostate o anacardi

1 mela olio extravergine di oliva

Preparate il brodo vegetale.

Tagliate la cipolla finemente e fatela soffriggere insieme all’aglio, privato dell’anima, in una pentola ampia, quindi fate prendere un po’ di colore alla cipolla, eliminate l’aglio e aggiungeteci lo zenzero e il curry facendo insaporire il tutto per un paio di minuti.

Aggiungete il brodo, il latte di cocco e fate sobbollire per 10 minuti.

Aggiungete il tofu sbriciolato grossolanamente, la mela tagliata a cubetti e l’uvetta, quindi cuocete a fiamma moderata per altri 10 minuti e servite caldo.

Crostini gustosi di cavolfiore

Crostini gustosi, possiamo usare il cavolfiore che è naturalmente saporito.

@Geraud

CROSTINI CON CAVOLFIORI:

  • 1 kg di cavolfiore
  • 4 spicchi di aglio
  • fette di pane
  • aceto di vino bianco
  • olio extravergine di oliva
  • sale
  • pepe

Strofinate le fette di pane con gli spicchi di aglio e abbrustolite.

Lessate il cavolfiore in abbondante acqua salata, scolatelo al dente conservando l’acqua di cottura.

Tagliatelo in piccoli pezzi senza spezzare le cime e salatelo.

Tuffate le fette di pane abbrustolito nell’acqua di cottura del cavolfiore per qualche secondo e disponetele su un piatto di portata, quindi ricopritele con il cavolfiore lesso, un filo di olio e di aceto e una spolverata di pepe.

Curry…un mix di spezie che non può mancare nelle nostre cucine!

L’orzo con curry e verdure è un piatto speziato di semplice realizzazione e ricco di nutrienti.

@Karolina Grabowska

Potete personalizzarlo con le verdure che preferite!

  • 300 g di orzo perlato
  • 200 g di lenticchie lesse
  • 100 g di funghi champignon
  • 1 cipolla
  • 4 carote
  • prezzemolo
  • curry
  • sale
  • 1 spicchio di aglio
  • olio extravergine di oliva

Tagliate la cipolla e l’aglio a fettine molto sottili e fateli rosolare in padella con un filo di olio e qualche goccia di acqua.

Tagliate le carote a bastoncino e i funghi in fettine sottili, quindi buttateli in padella e lasciate cuocere fino a quando le carote saranno morbide, aggiungete un pizzico di sale e una spolverata abbondante di curry.

Lavate l’orzo e cuocetele nel doppio del suo volume di acqua salata, fino a quando sarà morbido, quindi versatelo nella padella, aggiungendo anche le lenticchie lesse e fatelo saltare qualche minuto prima di servirlo.

Vi aspetto tutti online!

mio sito

Un sito nel quale trovare informazioni, ricette, curiosità, eventi, libri, film, e tanto altro che può aiutare chi soffre di una allergia o intolleranza al lattosio e alle proteine del latte, ai celiaci, ai vegani e alle persone che semplicemente amano il proprio corpo e vogliono mantenersi in salute mangiando sano!

Vi aspetto!

Biscottini deliziosi!

BISCOTTI AI DATTERI E MANDORLE, dolci dolci e buonissimi!

@Pixabay

Per i biscotti:

  • 1 tazza di datteri
  • 1 tazza di mandorle
  • 1 arancia
  • Cannella in polvere
  • Noce moscata in polvere
  • Zenzero in polvere
  • 1 cucchiaio di cacao amaro in polvere

Per la copertura:

  • 3 cucchiai di burro vegetale
  • 1 cucchiaino di agave
  • 1 cucchiaio di cacao amaro in polvere

Per i biscotti:

Frullate i datteri e le mandorle con la scorza grattugiata dell’arancia, e spolverate abbondante cannella, noce moscata e zenzero e unite anche il cacao.

Stendete il composto, realizzate i biscotti e lasciatelli essiccare nel forno a 50′.

Per la copertura:

Sciogliete il burro vegetale, aggiungete l’agave e il cacao mescolando bene, quindi intingete i biscotti nel cioccolato fuso e lasciate che solidifichi mettendoli a riposare su una gratella.

Sono le 17 da qualche parte nel mondo…!

Sto aspettando delle amiche per prendere un tè insieme…che ne dite se preparassimo dei muffin alle mandorle e mele?

@CHaLO

Sono soffici e leggeri, perfetti con il tè, e poi le mie amiche non si potranno lamentare della linea! …hihihihi!!!

  • 200 g di farina integrale
  • 100 ml di latte di riso
  • 100 gr di mele cotte frullate
  • 50 g di malto di riso
  • 1 limone
  • 50 g di mandorle
  • 30 ml di oli di semi
  • 1 cucchiaini di cremortartaro
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato

Riducete le mandorle in granella tenendone qualcuna da parte per decorare i muffin.

Cuocete le mele e frullatele una volta che saranno cotte, quindi aggiungete il latte, l’olio, il malto di riso e il succo di mezzo limone.

A parte unite la farina, il cremortartaro e il bicarbonato, e poco alla volta l’impasto liquido precedentemente preparato, una volta ottenuto un composto omogeneo riempite le pirottine per muffins per 3/4, disponete su ognuno una mandorla e infornate a 200° per 20/25 minuti…servite con una tazza di tè caldo, e passate un piacevole pomeriggio autunnale.

Il mio libro preferito? Il mio primo libro!

A ottobre del 2014 ho scritto il mio primo libro.

L’ho scritto proprio per aiutare più persone possibili a convivere con una grave allergia alimentare o on un’intolleranza, ma anche semplicemente per suggerire qualche ricetta interessante a chi voglia fare una precisa scelta di vita anche in campo alimentare e per andare incontro a chi voglia seguire un regime alimentare sano o leggero, ma non per questo triste per il palato e monotono nei sapori.

Il grande libro delle ricette senza lattosio e proteine del latte, Edizioni L’Età dell’Acquario 2014.


Quando si scopre di essere allergici o intolleranti al lattosio e alle proteine del latte, la prima domanda che ci si fa è: «E adesso cosa mangio?». P

i miei libri

Perché moltissimi alimenti contengono latte, lattosio, siero di latte, latte in polvere o derivati, sia come ingredienti effettivi che come conservanti naturali.

Ci si sente così di fronte a una scelta comunque svantaggiosa: mettere in pericolo la salute o cambiare radicalmente in peggio la qualità della vita. In realtà, una situazione che all’inizio può mettere in grave difficoltà può trasformarsi in un’occasione per rinnovare la propria idea di cucina e per acquisire maggiore consapevolezza riguardo agli ingredienti che utilizziamo ogni giorno. 

Dopo un’interessante introduzione sulle intolleranze e le allergie alimentari, su come riconoscerle e viverle serenamente, con molti utili consigli per chi si trova ad affrontare una dieta (e una vita!) tutta nuova, l’autrice propone un’ampia scelta di ricette stuzzicanti e appetitose – tra antipasti, primi, secondi, contorni, dressing e dolci –, per intolleranti non solo al lattosio ma anche al glutine, per i vegani e per tutti coloro che condividono la loro vita e le loro scelte, ma non vogliono rinunciare ai piaceri del palato.

Anche senza il latte, la cucina può restare una fonte di soddisfazione e di gioia.