…i miei dolcetti preferiti!

I muffin sono i miei dolcetti preferiti, perchè si prestano a variazioni di ogni tipo, e poi sono già “porzionati”!

muffin

muffin

Questi sono MUFFIN DI MELE E UVETTA, semplici ingredienti che avevo in casa.

  • 225 g di farina
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaio di lievito in polvere
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 45 g di zucchero integrale
  • 45 g di burro vegetale
  • 2 mele
  • 55 g di uvetta
  • 175 ml di latte vegetale
  • zucchero di canna
Mettete in ammollo in acqua tiepida l’uvetta per 20 minuti, quindi strizzatela, asciugatela e passatela nella farina.
Tagliate le mele a pezzettini piccoli e cuoceteli in un pentolino con un pochino di acqua e una spolverata di zucchero fino a quando saranno diventate morbide.
Versare in una terrina la farina, il lievito in polvere e la cannella in polvere setacciati, aggiungere tutti gli altri ingredienti e mescolare bene fino a ottenere un composto denso e umido.
Versare il composto nelle pirottine di carta per muffin, riempiendoli per 3/4, quindi infornateli a 200° per circa 20 minuti, fino a quando saranno dorati.
Annunci

Vellutate di tutti i colori!

Zucche, zucchini di vario tipo si prestano perfettamente per la realizzazione di minestre, minestroni, passati e una infinità di vellutate.

Questa vellutata di zucchine è anche molto profumata, oltre che delicatissima.

  • 1 kg di zucchine
  • 150 g di yogurt di soia al naturale
  • 2 patate
  • 2 cipollotti
  • 15 foglie di salvia
  • 5 foglie di menta
  • Olio extra ergine d’oliva
  • Sale
  • Pepe in grani

Tagliate le zucchine a rondelle, pelate le patate e tagliatele a dadini piccoli, tagliate i cipollotti a rondelle sottili.

vellutata di zucchine al basilico

vellutata di zucchine

Mettete i cipolllotti a stufare in un tegame dai bordi alti con un filo di olio.

Quindi unite le zucchine e le patate e mescolando continuamente fate insaporire il tutto per qualche minuto, aggiungete qualche foglia di salvia, di menta e una manciata di pepe.

Coprite le verdure per 3/4 con acqua  fredda, salate e coprite con un coperchio.

Una volta che avrà raggiunto il bollore abbassate la fiamma e lasciate sobbollire per 20 minuti (fino a quando le patate saranno cotte).

Unite le altre foglie di salvia e di menta, frullate il tutto fino ad ottenere una consistenza vellutata e cremosa.

Distribuite la vellutata nei piatti e versate qualche cucchiaiata di yogurt al centro di ogni piatto, quindi servite.

Cartaceo o online…a voi la scelta!

Il grande libro delle ricette senza lattosio e proteine del latte

Il grande libro delle ricette senza lattosio e proteine del latte, Edizioni L’Età dell’Acquario 2014.
Quando si scopre di essere allergici o intolleranti al lattosio e alle proteine del latte, la prima domanda che ci si fa è: «E adesso cosa mangio?». Perché moltissimi alimenti contengono latte, lattosio, siero di latte, latte in polvere o derivati, sia come ingredienti effettivi che come conservanti naturali. Ci si sente così di fronte a una scelta comunque svantaggiosa: mettere in pericolo la salute o cambiare radicalmente in peggio la qualità della vita. In realtà, una situazione che all’inizio può mettere in grave difficoltà può trasformarsi in un’occasione per rinnovare la propria idea di cucina e per acquisire maggiore consapevolezza riguardo agli ingredienti che utilizziamo ogni giorno. Dopo un’interessante introduzione sulle intolleranze e le allergie alimentari, su come riconoscerle e viverle serenamente, con molti utili consigli per chi si trova ad affrontare una dieta (e una vita!) tutta nuova, l’autrice propone un’ampia scelta di ricette stuzzicanti e appetitose – tra antipasti, primi, secondi, contorni, dressing e dolci –, per intolleranti non solo al lattosio ma anche al glutine, per i vegani e per tutti coloro che condividono la loro vita e le loro scelte, ma non vogliono rinunciare ai piaceri del palato. Anche senza il latte, la cucina può restare una fonte di soddisfazione e di gioia.

99 dolci senza latte99 dolci senza latte, Edizioni L’Età dell’Acquario 2015.
«Sei allergico al lattosio?! Oh, poveretto, non puoi mangiare nemmeno un dolce…». E invece no, anche gli allergici e gli intolleranti potranno finalmente concedersi deliziosi peccati di gola… anzi, se ne potranno concedere addirittura novantanove! In questo libro troverete infatti altrettante ricette dolci e golose − persino sane e un po’ dietetiche −, prive di latte, lattosio e derivati, in parte (quaranta di esse) adatte anche ai vegani perché senza ingredienti di origine animale.
Novantanove ricette buone, leggere e semplici da realizzare, che non hanno nulla da invidiare alla tradizione della pasticceria italiana e internazionale. Nessuno, fra i vostri commensali, si accorgerà che non contengono latte e burro. Rimarrà un vostro piccolo segreto!
Cosa state aspettando allora? Mettetevi ai fornelli e sfatate il mito dei dolci poco golosi e privi di sapore per intolleranti. Coccolatevi con bavaresi alla gelatina di fragole, bignè alla crema, bombolini al cioccolato, budini, cannoli e molto altro!

Riso giallo SENZA zafferano ;-)

Il classico risogiallo” è fatto con lo zafferano, ma noi stasera prepareremo insieme un “riso giallo”…anche più giallo…con la curcuma!

Sentirete che buono e vedrete che bel colore che ha!

  • 300 g di riso integrale
  • 10 asparagi
  • 50 g di lievito alimentare in scaglie
  • 1/2 cipolla
  • 1 cucchiaio di curcuma in polvere
  • Olio extravergine d’oliva
  • Sale

Tagliate a fettine sottili la cipolla e fatela rosolare in padella con un filo di olio per qualche minuto,quindi aggiungete il riso, fatelo tostare e versate acqua pari al doppio del volume del riso, salate e portate a ebollizione, quindi continuate la cottura per 15 minuti.

Tagliate gli asparagi a rondelle, scottateli in abbondante acqua salata per 2 minuti, e uniteli al riso circa 5 minuti prima che il riso abbia ultimato la sua cottura.

Togliete il riso dal fuoco, aggiungete la curcuma in polvere, il lievito alimentare in scaglie, un filo di olio e servite.Risultati immagini per riso giallo asparagi

Mangiare fuori, vegan, a Milano!

Piatti vegetariani e vegan a buffet o nel menù fisso in un locale dall’atmosfera intima, a Milano:

“Alhambra Ristoveg”
In Via S. Gregorio n° 17, a  Milano potete gustare piatti vegetariani e vegani squisiti!
Nel Ristoveg avrete l’imbarazzo della scelta nel buffet;
il personale vi servirà tutto in un piatto e prima che vi venga servito ciò che avete scelto vi verrà omaggiato un aperitivo ancora più buono: pane nero ai cereali con hummus…mi viene l’acquolina in bocca solo a raccontarvelo!
Noi abbiamo scelto un po’ di tutto…quello che ci stava nel piatto…perchè la scelta è davvero ampissima!
Il prezzo è a peso, quindi dipenderà solo da quanta fame avrete! 😉
Se nella saletta del buffet non dovesse esserci posto a sedere non vi preoccupate, verrete accompagnate nel VeganBar a pochi passi da lì, ancora più carino!
E anche chi soffre di celiachia qui potrà gustarsi un dolcetto vegan bello e buono!…anche in questo caso avrete solo da scegliere!
Alhambra Ristoveg Milano ristorante vegano

Alhambra Ristoveg Milano ristorante vegan

Simit turco fatto in casa.

Una lettrice mi ha chiesto come fare i simit a casa, eccovi un video che fa vedere quanto è facile farli!

Aspetto di vedere le vostre ciambelline di pane al sesamo!

Spaghetti di zucchini con pesto e pomodorini.

Spaghetti di verdure, ma proprio fatti di verdure!

Sono buoni, colorati e divertenti da preparare, freschi per l’estate e ricchi di nutrienti, infatti vi permetteranno di incrementare l’apporto di alimenti vegetali nella vostra dieta.

Questi spaghetti non richiedono cottura, a meno che non decidiate di saltarli brevemente in padella o di sbollentarli per ottenere un piatto caldo, ma se li mangerete crudi potrete sfruttare al meglio i benefici delle vitamine che si deteriorerebbero con la cottura.

  • 2 zucchini
  • 1/2 tazza di pistacchi
  • 1/2 tazza di pinoli
  • foglie di basilico
  • olio extravergine d’oliva
  • 1 spicchio di aglio
  • sale
  • paprika in polvere
  • pomodorini ciliegini

Tagliate i pomodorini in quarti.

Affettate gli zucchini con un coltello ben affilato o con la mandolina, o con un pelaverdure che taglia anche a julienne, oppure se lo avete, usate il temperaverdure che vi aiuteranno a tagliare gli ortaggi a filini, a listarelle o a spirale.

temperaverdure

temperaverdure

Tritate i pistacchi e i pinoli (tenendo da parte qualche pinolo per la guarnizione del piatto), frullateli insieme, velocemente, alle foglie basilico e allo spicchio d’aglio (al quale avrete precedentemente tolto l’anima) unendo anche un filo di olio extravergine d’oliva, un pizzico di sale e una spolverata di paprika.

Condite gli spaghetti di zucchini con il pesto, i pomodorini tagliati e i pinoli interi, e servite.