Dalle Isole Canarie una ricetta sfiziosissima: papas assugadas con mojo

Ho vissuto per qualche mese alle Canarie, precisamente a Fuerteventura, e qui ho scoperto queste piccole e deliziose patate (papas) canarie…il loro sapore e la loro piccola dimensione fanno sì che non vi possiate fermare di mangiarle fino a quando non saranno finite!

Se non trovate le patate canarie potete usare le piccole patate novelle italiane…non sono proprio la stessa cosa, ma con un po’ di salsa di peperone delicata o piccante potrete sempre chiudere gli occhi e immaginare di essere seduti sul lungomare di questa bellissima isola, con il vento che vi scompiglia i capelli e le onde dell’oceano che vi fanno da colonna sonora!

papas arrugadas (patate canarie)

papas arrugadas (patate rugose)

Papas Arrugadas (Patate rugose)

  • 1 kg di patate novelle
  • 1 kg di sale grosso

Lavate molto bene le patate (eventualmente novelle italiane), senza sbucciarle, disponetele in una pentola e mettetele a lessare in abbondante acqua salata con mezzo chilo di sale grosso (l’acqua non deve superare il livello delle patate).

Una volta cotte (prima che la buccia si stacchi) scolatele e copritele con il sale rimanente, rimettendole sul fuoco e girandole fino a quando si saranno asciugate (circa un paio di minuti).

Appena le bucce risulteranno “rugose”, togliete le patate dal fuoco e lasciatele riposare alcuni minuti nella pentola coperte con un panno.

Servitele cosparse di “mojo” piccante o delicato.

Mojo Rojo o Picón (Salsa Rossa delicata o Piccante)

  • 1 testa d’aglio
  • 2 peperoncini piccanti freschi (o peperoncini dolci per un sapore più delicato)
  • 1 cucchiaino di cumino in grani
  • 1 cucchiaino di paprica

    Mojo Rojo o Picón (Salsa Rossa o Piccante)

    Mojo Rojo o Picón (Salsa Rossa o Piccante)

  • 4 cucchiai da tavola di aceto
  • 15 cucchiai da tavola di olio d’oliva
  • sale grosso

In un mortaio pestate l’aglio sbucciato e tritato, il cumino in grani, il sale grosso e i peperoncini piccanti (privati dei loro semi), quindi aggiungete la paprica e, lentamente, l’olio e l’aceto, fino ad ottenere un impasto denso (eventualmente aggiungete qualche goccia di acqua).

Può essere conservato in frigo per qualche mese.

Annunci

Buon compleanno a me!

snoopy

buon compleanno a me!

Tutti in cucina SENZA LATTE!

Nel mio libro: “Il grande libro delle ricette senza lattosio e proteine del latte” Ed. L’Età dell’Acquario potete trovare tante ricette adatte anche ai vegani…

…ed altre ancora sul mio blog: http://www.senzalatte.org…

…sulla mia pagina Facebook: senza latte – manuale di cucina alternativa…

…o su Twitter: @senzalatteOrg!

Perché chiunque può avere un problema alimentare di intolleranza/allergia, o può fare una scelta etica o salutistica…noi allergici/intolleranti al lattosio e alle proteine del latte abbiamo una alimentazione che si avvicina moltissimo a quella di coloro che scelgono di non voler mangiare nulla che abbia derivazione animale, e quindi…tutti IN CUCINA SENZA LATTE!

Gnocchetti al pesto, un piatto velocissimo!

Frullate qualche foglia di basilico, una manciata di pinoli e una manciata di noci, abbondante olio d’oliva e un pizzico di sale; versate il pesto sugli gnocchi e gustatevi questo piatto semplice e ricco di sostanze benefiche.

Una elevata percentuale di grassi monoinsaturi e polinsaturi benefici, e una bassa percentuale di grassi saturi, responsabili dell’aumento del colesterolo, proteine e fibre, vitamine, zinco, potassio, calcio, magnesio e ferro.

Buono e genuino: cosa si può chiedere di più?!

gnocchi

gnocchi pesto vegan

…usiamo le pere che ho colto ieri!

Sono piccole e dolci, perfette per il mio tortino morbido di pere e cioccolato!

pera

pera

  • 100 gr di farina tipo”0″
  • 100 gr di farina integrale
  • 50 gr di cacao amaro
  • 1 cucchiaino di cremortartaro
  • 100 gr di zucchero di canna
  • 1 vasetto di yogurt di soia
  • 4 pere
  • noci

Sbucciate le pere e cuocetele in forno fino a quando saranno diventate morbide, togliete qualche pezzetto di pera e frullate il resto.

tritate grossolanamente le noci.

In una terrina unite le farine, il cacao, il cremortartaro, lo zucchero, lo yogurt ed infine i pezzetti di pera e le pere frullate, mescolate bene e versate qualche cucchiaio di impasto nelle pirottine, spolverate con le noci tritate, quindi infornate per 30 minuti a 220°.

Un dolcetto perfetto per la colazione o per una sana e gustosa merenda!

Aperitivo perfetto in questa stagione.

Un aperitivo veloce, fresco e leggero, perfetto in estate!

Fa molto caldo, e per cena si ha voglia di qualcosa di fresco:

aperitivo

aperitivo

iniziamo con un aperitivo con barchette di indivia!

Frullate una manciata di ceci lessati, aggiungete alla crema di ceci un filo d’olio extravergine d’oliva, una spruzzata di salsa di soia, una spolverata di curcuma e un pomodoro tagliato a cubetti, mescolate e disponete il composto all’interno delle foglie di indivia, quindi decorate con un gheriglio di noce.

Una pasta frolla adatta a tutti!

  • 240 farina 2 (semi integrale)
  • 60 g olio di mais
  • 120 g sciroppo d’agave
  • 12 g lievito naturale per dolci
  • la scorza di un limone
  • 1/3 di cucchiaino di vaniglia in polvere
  • 1 bustina di zafferano (opzionale e sostituibile con cannella o zenzero in polvere)

Mescolate in una ciotola la farina, il lievito, la scorza del limone grattugiata e la vaniglia.

A parte miscelate insieme l’olio, lo sciroppo ed eventualmente lo zafferano e versateli nella ciotola con la farina impastando con le mani fino ad ottenere una pasta morbida e “frollosa”.

Mettetela su un ripiano ricoperto di carta forno e stendetela con un mattarello fino a circa mezzo cm di spessore.

pasta frolla

pasta frolla

Se volete fare dei biscotti: Dalla frolla stesa ricavate dei biscotti utilizzando delle formine. Disponeteli su una teglia ricoperta di carta forno e cuoceteli a 150/160 gradi per circa 7/8 minuti fin quando assumeranno un colore appena dorato e comunque chiaro e assolutamente non marroncino o bruno. Se li premete con un dito devono risultare morbidi, non duri, si induriranno quando raffreddano. Fateli quindi raffreddare completamente. Se volete potete sciogliere a bagnomaria del cioccolato fondente e ricoprirli fino a circa la metà poggiandoli poi subito su un ripiano o tagliere con della carta forno (per evitare che il cioccolato resti attaccato) magari anche decorandoli a piacere con bacche di goji e scorzette di limone.

Se volete realizzare una crostata: ponete su una teglia la frolla stesa insieme a tutta la carta forno e fatela aderire bene ai bordi e agli angoli. Bucherellatela con una forchetta e ricopritela con un foglio di alluminio, facendolo aderire bene (facendo in modo che copra anche tutti i bordi) e poi mettete sull’alluminio uno strato di fagioli secchi. Infornate a 150/160 gradi per 15 minuti circa. Togliete quindi l’alluminio con i fagioli, controllate la cottura ed eventualmente rimettete in forno ancora per alcuni minuti senza copertura. Per
capire qual è il giusto grado di cottura valgono le stesse indicazioni dei biscotti. Lasciate raffreddare e farcite con crema pasticciera e frutta fresca, oppure con crema al cioccolato e frutta secca.