Vellutate colorate!

VELLUTATA DI CAROTE E ARANCIA

Attraverso idee originali e colorate come questa vellutata di carote e arancia potete promuovere il consumo di frutta e verdura ai vostri commensali…anche ai bambini!

Questo piatto inoltre è leggero, ricco di sapore e di sostanze ad azione antiossidante, in particolare le arance hanno potete saziante e dissetante.

  • 800 g di carote
  • 1 patata
  • 1 cipolla
  • 1,5 l di brodo vegetale
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 200 ml di spremuta di arancia
  • erba cipollina
  • sale
  • pepe bianco

Preparate il brodo di verdure con le verdure che avete a disposizione o che più preferite.

Tagliate le carote a fettine, tagliate la patata a dadini e tritate la cipolla, quindi soffriggete le verdure in una pentola a fuoco basso con un filo di olio, facendole ammorbidire per qualche minuto.

Aggiungete il brodo vegetale caldo, una presa di sale e una spolverata di pepe bianco, coprite e fate cuocere per 45 minuti.

Quando la preparazione sarà tiepida frullate il tutto con un frullatore ad immersione e aggiungete il succo di arancia.

Tagliate finemente l’erba cipollina.

Servite con crostini croccanti, una grattata di scorza di arancia e una spolverata di erba cipollina.

Annunci

In libreria insieme a me!

A ottobre del 2014 ho scritto il mio primo libro.

L’ho scritto proprio per aiutare più persone possibili a convivere con una grave allergia alimentare o on un’intolleranza, ma anche semplicemente per suggerire qualche ricetta interessante a chi voglia fare una precisa scelta di vita anche in campo alimentare e per andare incontro a chi voglia seguire un regime alimentare sano o leggero, ma non per questo triste per il palato e monotono nei sapori.

Il grande libro delle ricette senza lattosio e proteine del latte

Il grande libro delle ricette senza lattosio e proteine del latte, Edizioni L’Età dell’Acquario 2014.
Quando si scopre di essere allergici o intolleranti al lattosio e alle proteine del latte, la prima domanda che ci si fa è: «E adesso cosa mangio?». Perché moltissimi alimenti contengono latte, lattosio, siero di latte, latte in polvere o derivati, sia come ingredienti effettivi che come conservanti naturali. Ci si sente così di fronte a una scelta comunque svantaggiosa: mettere in pericolo la salute o cambiare radicalmente in peggio la qualità della vita. In realtà, una situazione che all’inizio può mettere in grave difficoltà può trasformarsi in un’occasione per rinnovare la propria idea di cucina e per acquisire maggiore consapevolezza riguardo agli ingredienti che utilizziamo ogni giorno. Dopo un’interessante introduzione sulle intolleranze e le allergie alimentari, su come riconoscerle e viverle serenamente, con molti utili consigli per chi si trova ad affrontare una dieta (e una vita!) tutta nuova, l’autrice propone un’ampia scelta di ricette stuzzicanti e appetitose – tra antipasti, primi, secondi, contorni, dressing e dolci –, per intolleranti non solo al lattosio ma anche al glutine, per i vegani e per tutti coloro che condividono la loro vita e le loro scelte, ma non vogliono rinunciare ai piaceri del palato. Anche senza il latte, la cucina può restare una fonte di soddisfazione e di gioia.

A distanza di un anno, a ottobre 2015, è uscito il mio secondo libro, dedicato completamente ai dolci e naturalmente senza latte.

99 dolci senza latte99 dolci senza latte, Edizioni L’Età dell’Acquario 2015.
«Sei allergico al lattosio?! Oh, poveretto, non puoi mangiare nemmeno un dolce…». E invece no, anche gli allergici e gli intolleranti potranno finalmente concedersi deliziosi peccati di gola… anzi, se ne potranno concedere addirittura novantanove! In questo libro troverete infatti altrettante ricette dolci e golose − persino sane e un po’ dietetiche −, prive di latte, lattosio e derivati, in parte (quaranta di esse) adatte anche ai vegani perché senza ingredienti di origine animale.
Novantanove ricette buone, leggere e semplici da realizzare, che non hanno nulla da invidiare alla tradizione della pasticceria italiana e internazionale. Nessuno, fra i vostri commensali, si accorgerà che non contengono latte e burro. Rimarrà un vostro piccolo segreto!
Cosa state aspettando allora? Mettetevi ai fornelli e sfatate il mito dei dolci poco golosi e privi di sapore per intolleranti. Coccolatevi con bavaresi alla gelatina di fragole, bignè alla crema, bombolini al cioccolato, budini, cannoli e molto altro!

Torta di zucca crudista: colore e delizia

TORTA DI ZUCCA CRUDISTA

Un dolce fresco e genuino!

zucca

zucche

Per la base:

  • 300 g di datteri denocciolati
  • 150 g di mandorle
  • Per la farcia:
  • 300 g di zucca
  • 200 g di nocciole
  • 30 g di zenzero in polvere
  • ½ tazza di olio di cocco
  • ½ tazza di agave
  • 1 cucchiaino di cannella
  • nove moscata in polvere

Per la base:

mettete le mandorle in ammollo in acqua per 8 ore.

Mettete in ammollo i datteri per almeno 15 minuti.

Scolate e sciacquate le mandorle e i

datteri, metteteli in un frullatore e frullate fino ad ottenere una

pasta soda (se l’impasto risulatese troppo duro aggiungete un goccio di acqua

o latte vegetale).

Distribuite la base nella tortiera, stendendola in modo uniforme e lasciatela rassodare in freezer.

Per la farcia:

mettete le nocciole in ammollo in acqua per almeno 8 ore.

Scolate e sciacquate le nocciole, unitele alla zucca, allo zenzero, all’olio di cocco, all’agave, alla cannella e ad una abbondante spolverata di noce moscata e frullate il tutto fino ad ottenere una crema morbida.

Stendete la farcia sulla base congelata e riponete nuovamente nel congelatore per altre 4/6 ore.

Prima di servire aspettate 10 minuti.

Veganocrudista.i

Muffins per sbizzarrirsi a merenda!

Una merenda gustosa ma leggera?

Muffin di mele e carote.

  • 2 carote
  • 1 mela
  • 3 cm di zenzero fresco
  • 300 g di farina
  • 100 g di olio di semi
  • 150 g di sciroppo d’agave
  • 40 g di acqua
  • sale
  • 1 bustina di polvere lievitante per dolci

In una ciotola mescolate la farina, il lievito e una presa di sale.

Tagliate la mela a fettina piccole e sottili, e grattugiate lo zenzero fresco, quindi uniteli all’impasto.

Aggiungete anche l’olio, lo sciroppo d’agave e l’acqua; lavorate tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto omogeneo, quindi distribuitelo nelle pirottine di carta da forno e infornate a 180° per 20/30 minuti.

Potete usare anche farine diverse, combinandole tra loro, ad esempio quella di farro integrale, di miglio, di avena, di soia…sbizzarritevi!

Muffins

Muffins

 

Una ricetta crudista che dovete provare!

Una ricetta facile, veloce e ricca di vitamine:

SALSA DI BROCCOLI E RADICCHIO CRUDISTA

  • 1 radicchio trevigiano
  • 1 broccolo
  • ½ limone
  • 3 noci
  • 6 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaio di salsa di soia
  • pepe bianco

Tagliate il broccolo utilizzando i fiori e i gambi più piccoli.

Uniteli in un frullatore insieme al succo di limone filtrato, alla salsa di soia, all’olio e ad una spolverata di pepe bianco.

Frullate il tutto aggiungendo qualche goccia di acqua per rendere la salsa più soffice.

Distribuite la salsa sulle foglie di radicchio e servite, oppure usate la salsa per condire una pasta o per spalmarla su pane tostato.

Insalata di frutta e verdura dolcissima

INSALATA DI FRUTTA E VERDURA

Non mi dite che le insalate le mangiate solo d’estate?!?

Assolutamente vanno mangiate tutto l’anno, usando ovviamente quante più verdure possibili di stagione!

Questa è fatta di verdura e frutta, fresca e ricca di vitamine!

  • 1 finocchio
  • 1 mazzetto di radicchio
  • ½ pompelmo rosa
  • 3 noci
  • 4 cucchiai di salsa tahini
  • 1 limone
  • 2 cucchiaini di agave
  • 2 cucchiaini di zenzero fresco
  • sale
  • pepe nero

Lavate e tagliate il radicchio, tagliate il finocchio a fettine sottili, e tagliate a dadini gli spicchi di pompelmo.

Per la salsa:

unite la salsa tahini al succo del limone filtrato, quindi aggiungete l’agave, lo zenzero fresco grattugiato, una presa di sale e una spolverata di pepe, quindi versatela sull’insalata e servite.

Che colore e che sapore il radicchio!

Vi piace il radicchio con il suo sapore amarognolo?

Io ho iniziato ad apprezzarlo molto negli ultimi anni e questa versione ve la consiglio!

radicchio

radicchio

Radicchio marinato:

  • 4 cespi di radicchio rosso
  • 6 bacche di ginepro
  • 3 bicchieri di aceto di vino bianco
  • 1 bicchiere di olio extravergine di oliva
  • 2 cucchiai di zucchero
  • sale
  • 2 cucchiaini di pepe nero in grani

Portate ad ebollizione 2 litri di acqua con l’aceto, quindi aggiungete alcune bacche di ginepro, 1 cucchiaino di pepe, lo zucchero e i cespi di radicchio, lasciando cuocere per 10 minuti.

Scolate il radicchio e lasciatelo intiepidire, quindi tagliateli a metà e disponeteli in una pirofila con l’olio, una presa di sale, il cucchiaino di pepe rimasto ben schiacciato e le bacche di ginepro restanti, e lasciate macerare in un luogo fresco per almeno 10 ore.