Cibi crudi per il nostro sistema immunitario.

Rafforzare il nostro sistema immunitario è davvero semplice…non pensate sia così?!

Ecco come: mangiando cibi crudi! Semplice no?!

Mangiare cibi crudi ha grandi effetti benefici sul nostro sistema immunitario, visto che la cottura dei cibi li priva di molti nutrienti.

Con la cottura si modifica la struttura delle proteine, si disattivano anche gli enzimi, quindi la digestione sarà più lenta, le vitamine si abbassano fino ad annullarsi con la cottura (dal 10 al 100%), e questa forbice dipenderà dal grado di temperatura raggiunta e dalla durata del tempo di cottura, mentre i grassi vegetali, presenti negli oli e nei semi oleosi, sono invece prevalentemente insaturi (monoinsaturi o polinsaturi), e quando vengono trattati termicamente tendono a cambiare la loro struttura molecolare e a saturarsi.

E’ bene imparare ad abituarsi ad usare olio di condimento e semi a crudo.

Un esempio delizioso e semplicissimo?

Eccolo!

INVOLTINI DI ZUCCHINE:DSCN1856.JPG

  • 2 zucchine
  • 100 g di mandorle pelate
  • 1 limone
  • 1 spicchio di aglio
  • paprika in polvere
  • timo
  • dragoncello
  • olio extravergine d’oliva
  • erba cipollina

Tagliate le zucchine a fette sottili nel senso della lunghezza, quindi disponetele a strati in uno scolapasta con del sale per 1 ora.

Tritate il timo e il dragoncello; tritate anche le mandorle a farina e unite il succo del limone, l’aglio, una presa di sale, una spolverata di paprika, il timo e il dragoncello tritati, infine un filo di olio extravergine d’oliva.

Asciugate le zucchine e disponetele su un piatto vassoio, spennellate ogni fetta con un po’ di composto precedentemente preparato e arrotolatele su loro stesse chiudendole con un filo di erba cipollina.

Annunci

cibi afrodisiaci?!?…non importa, basta che funzionino! ;-)

images.jpegEsistono davvero cibi afrodisiaci? in realtà questa risposta non ha molta importanza…l’importante è che funzionino!!! 😉

…Il cioccolato forse è il più famoso, a seguire il peperoncino…ma ce ne sono altri!

  • pinoli
  • zenzero
  • aglio
  • semi di anice
  • noce moscata
  • zafferano
  • ananas
  • cozze
  • vongole
  • ostriche
  • ginseng
  • mandorle
  • asparagi
  • banane
  • tartufo

Stanno effettuando ancora svariati studi sugli effetti afrodisiaci di molti cibi, ma sembra proprio che aggiungere con regolarità, ad esempio, un pizzico di peperoncino o di zafferano ai piatti possa garantire gli effetti sperati.

Ad esempio gli asparagi sono ricchi di potassio, di vitamine del gruppo B e di sostanze che favoriscono la produzione degli ormoni sessuali maschili e la virilità.

Oppure le banane, anch’esse ricche di potassio e anche di vitamina B6, due componenti fondamentali per la formazione del testosterone, contengono inoltre particolari enzimi che aiutano l’incremento della libido.

Il ginseng non solo è un perfetto tonico, ma stimola la circolazione e migliora l’afflusso sanguigno verso gli organi sessuali, infatti in Oriente è da sempre impiegato come viagra naturale!

Quindi date sfogo alla vostra “fantasia”…culinaria! 😉

cibi-afrodisiaci-1.jpg

…voi quali ingredienti “segreti” userete per la vostra “cenetta“?

Il chutney dall’India.

India.jpgIl chutney è una ricetta della cucina indiana, una salsa agrodolce che ben si sposa bene con qualsiasi secondo piatto.

  • 2 manghi acerbi
  • 3 dl di aceto di vino bianco
  • 1 cipolla
  • 250 g di zucchero di canna
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 cucchiaio di zenzero in polvere
  • 1 cucchiaino di curcuma in polvere
  • 1 peperoncino piccante in polvere
  • sale

Sbucciate i manghi, riducete la polpa a dadini e tritare finemente la cipolla, l’aglio e il peperoncino, quindi mettete il tutti gli ingredienti in una casseruola insieme all’aceto, ad un pizzico di sale, lo zenzero, la curcuma e il peproncino piccante e fate cuocere a fuoco lento, mescolando continuamente, per circa un’ora e mezza, fino a quando il composto diventerà solido.

Versare il chutney ancora caldo in vasetti sterilizzati e lasciateli raffreddare in frigorifero capovolti fino a quando andranno sottovuoto.come-preparare-la-marmellata-di-mango_593a05d08913af3a4aa6cf48f18317d0.jpg

Io cucino abitualmente con le spezie, danno sapore, profumo e originalità ai piatti!

Quindi, se vi piace l’agrodolce speziato, dovete assolutamente provarla!

Messa sulle verdure? Che ne pensate?

Imperdibili ;-)

A ottobre del 2014 ho scritto il mio primo libro.

L’ho scritto proprio per aiutare più persone possibili a convivere con una grave allergia alimentare o on un’intolleranza, ma anche semplicemente per suggerire qualche ricetta interessante a chi voglia fare una precisa scelta di vita anche in campo alimentare e per andare incontro a chi voglia seguire un regime alimentare sano o leggero, ma non per questo triste per il palato e monotono nei sapori.

Il grande libro delle ricette senza lattosio e proteine del latte

Il grande libro delle ricette senza lattosio e proteine del latte, Edizioni L’Età dell’Acquario 2014.
Quando si scopre di essere allergici o intolleranti al lattosio e alle proteine del latte, la prima domanda che ci si fa è: «E adesso cosa mangio?». Perché moltissimi alimenti contengono latte, lattosio, siero di latte, latte in polvere o derivati, sia come ingredienti effettivi che come conservanti naturali. Ci si sente così di fronte a una scelta comunque svantaggiosa: mettere in pericolo la salute o cambiare radicalmente in peggio la qualità della vita. In realtà, una situazione che all’inizio può mettere in grave difficoltà può trasformarsi in un’occasione per rinnovare la propria idea di cucina e per acquisire maggiore consapevolezza riguardo agli ingredienti che utilizziamo ogni giorno. Dopo un’interessante introduzione sulle intolleranze e le allergie alimentari, su come riconoscerle e viverle serenamente, con molti utili consigli per chi si trova ad affrontare una dieta (e una vita!) tutta nuova, l’autrice propone un’ampia scelta di ricette stuzzicanti e appetitose – tra antipasti, primi, secondi, contorni, dressing e dolci –, per intolleranti non solo al lattosio ma anche al glutine, per i vegani e per tutti coloro che condividono la loro vita e le loro scelte, ma non vogliono rinunciare ai piaceri del palato. Anche senza il latte, la cucina può restare una fonte di soddisfazione e di gioia.

A distanza di un anno, a ottobre 2015, è uscito il mio secondo libro, dedicato completamente ai dolci e naturalmente senza latte.

99 dolci senza latte99 dolci senza latte, Edizioni L’Età dell’Acquario 2015.
«Sei allergico al lattosio?! Oh, poveretto, non puoi mangiare nemmeno un dolce…». E invece no, anche gli allergici e gli intolleranti potranno finalmente concedersi deliziosi peccati di gola… anzi, se ne potranno concedere addirittura novantanove! In questo libro troverete infatti altrettante ricette dolci e golose − persino sane e un po’ dietetiche −, prive di latte, lattosio e derivati, in parte (quaranta di esse) adatte anche ai vegani perché senza ingredienti di origine animale.
Novantanove ricette buone, leggere e semplici da realizzare, che non hanno nulla da invidiare alla tradizione della pasticceria italiana e internazionale. Nessuno, fra i vostri commensali, si accorgerà che non contengono latte e burro. Rimarrà un vostro piccolo segreto!
Cosa state aspettando allora? Mettetevi ai fornelli e sfatate il mito dei dolci poco golosi e privi di sapore per intolleranti. Coccolatevi con bavaresi alla gelatina di fragole, bignè alla crema, bomboloni al cioccolato, budini, cannoli e molto altro!

Frittelle di riso profumate agli agrumi, incredibilmente buone!

FRITTELLE DI RISO AGLI AGRUMI

  • 250 g di riso
  • 150 g di farina di riso
  • 1 arancia
  • 1 limone
  • sale
  • olio per friggere

Cuocete il riso in abbondante acqua con un pizzico di sale, la scorza di arancio e quella di limone; una volta cotto eliminate le scorze e fatelo raffreddare completamente, quindi aggiungete la farina di riso e impastate, aggiungendo un pochino di succo di arancia e limone se il composto fosse troppo asciutto.

Con le mani o un cucchiaio formate delle palline e cuocetele in abbondante olio fino a quando saranno belle dorate.

Tutti online con me!

Un sito nel quale trovare informazioni, ricette, curiosità, eventi, libri, film, e tanto altro che può aiutare chi soffre di una allergia o intolleranza al lattosio e alle proteine del latte, ai celiaci, ai vegani e alle persone che semplicemente amano il proprio corpo e vogliono mantenersi in salute mangiando sano!

Vi aspetto!

…come dolce o come contorno?!

url.jpgDal Sudafrica questo piatto viene usato come contorno.

Non siamo abituati al riso dolce come contorno, ma ha un sapore piacevole ed è perfetto per accompagnare pietanze saporite.

  • 2 tazze di riso
  • 1 cucchiaio di uva sultanina
  • 1 cucchiaino di curcuma
  • 2 stecche di cannella

Mettete l’uva sultanina in ammollo in acqua calda.

Mettete tutti gli ingredienti in una pentola con circa 700 ml di acqua e lasciate cuocere per circa 15 minuti dal momento in cui l’acqua comincia a bollire.

121338911.jpg

A me piace molto provare ricette di tutto il mondo, scoprire sapori nuovi e accostamenti originali!

E a voi?