Profumo dei Caraibi nella nostra cucina!

@Shantanu Pal

Nei Caraibi le ricette a base di riso e fagioli neri sono un vero e proprio classico! Un piatto povero, ma completo!

Qui si usano mix di spezie tradizionali, ma voi potete creare il vostro personale mix di spezie ispirandovi a questi:

  • ras hanout mix composto da pepe cubebe, pepe lungo, coriandolo, zenzero, pepe nero, cumino, pepe del monaco, nigella, cardamomo, pepe malagueta, semi di finocchio, curcuma, noce moscata, galanga, bacche di sorbo, anice stellato, chiodi di garofano, cannella, alloro, fiori di gelsomino, fiori di lavanda.

Riso e fagioli neri: un piatto unico completo

260g riso basmati integrale

240g fagioli neri lessati

200ml latte di cocco

100g cipolla

ras hanout

peperoncino fresco

timo secco

sale

50g olio di cocco

Preparate il riso al vapore, utilizzando un cuociriso o cuocendolo nel doppio della sua acqua, una volta che avrà raggiunto il bollore abbassate il fuoco fino al completo assorbimento dell’acqua.

Tagliate la cipolla a dadini grossolani e soffriggetela in padella con dell’olio di cocco, quindi aggiungete i fagioli neri sgocciolati e fateli rosolare.

Versate direttamente in padella il latte di cocco e le spezie, mescolate bene e lasciate cuocere a fiamma bassa con il coperchio per almeno 10 minuti.ò

Potete decidere di mescolare il riso e il vostro condimento a base di fagioli o di lasciarli separati.

Ho voglia di cioccolato!

Sarà la stagione, sarà il freddo, sarà quel che sarà…ma io ho una voglia incredibile di cioccolata, e voi?

@Pixabay

Se anche voi avete voglia di prepararvi una coccola culinaria provate a fare in casa questi cioccolatini, e poi fatemi sapere cosa ne pensate…e come stanno i vostri livelli di serotonina!!! hahahaha!!!

Ingredienti per circa 30 cioccolatini che non presentano nessun ingrediente di origine animale: quindi adatti proprio a tutti!

  • 200 gr di mandorle
  • 200 gr di anacardi
  • 250 gr di datteri
  • 100 gr di mirtilli rossi essiccati
  • 50/70 gr di sciroppo di riso
  • 200 gr di cioccolato fondente

Tritate tutti gli ingredienti: mandorle, anacardi, datteri e mirtilli, mischiateli con lo sciroppo di riso (se impastando il composto con le mani non rimane compatto aggiungete ancora un po’ di sciroppo); con le mani formate delle palline e adagiatele su una teglia ricoperta da carta forno.

Sciogliete a bagnomaria il cioccolato fondente, rotolate le palline una ad una nel cioccolato e recuperatele con una forchetta, riponetele sulla teglia, lasciatele raffreddare per 30 minuti e i vostri cioccolatini sono pronti da gustare!…uno tirerà l’altro!!! 🙂

Un libro utile a tutti, nessuno escluso!

Il grande libro delle ricette senza lattosio e proteine del latte, Edizioni L’Età dell’Acquario 2014.
Quando si scopre di essere allergici o intolleranti al lattosio e alle proteine del latte, la prima domanda che ci si fa è: «E adesso cosa mangio?».

corso

Perché moltissimi alimenti contengono latte, lattosio, siero di latte, latte in polvere o derivati, sia come ingredienti effettivi che come conservanti naturali.

Ci si sente così di fronte a una scelta comunque svantaggiosa: mettere in pericolo la salute o cambiare radicalmente in peggio la qualità della vita. In realtà, una situazione che all’inizio può mettere in grave difficoltà può trasformarsi in un’occasione per rinnovare la propria idea di cucina e per acquisire maggiore consapevolezza riguardo agli ingredienti che utilizziamo ogni giorno. 

Dopo un’interessante introduzione sulle intolleranze e le allergie alimentari, su come riconoscerle e viverle serenamente, con molti utili consigli per chi si trova ad affrontare una dieta (e una vita!) tutta nuova, l’autrice propone un’ampia scelta di ricette stuzzicanti e appetitose – tra antipasti, primi, secondi, contorni, dressing e dolci –, per intolleranti non solo al lattosio ma anche al glutine, per i vegani e per tutti coloro che condividono la loro vita e le loro scelte, ma non vogliono rinunciare ai piaceri del palato.

Anche senza il latte, la cucina può restare una fonte di soddisfazione e di gioia.

Cucina caraibica, buonissima

La cucina caraibica è caratterizzata da sapori forti: speziati, asprigni e talvolta dolci, ed è facile e buonissima.

Prepariamo insieme le tortillas di mais con salsa guacamole, un must!

Tortillas:

farina di mais gialla (circa 40 g a persona)

sale

olio di mais

Salsa guacamole:

1 avocado

1 scalogno

1 pomodoro

1 lime

1 peperoncino piccante

sale

pepe

olio extravergine di oliva

Verdure fresche a piacere

Per la tortillas: impastate la farina di mais con l’acqua e il sale, poi fate una palla, avvolgetela con la pellicola e mettetela in frigorifero. 

Per la salsa guacamole: scottate il pomodoro in acqua bollente e spelatelo, poi eliminate i semi e l’acqua di vegetazione e tagliatelo a dadini piccoli. 

Sbucciate l’avocado, tagliatelo a metà e schiacciate una metà rendendolo cremoso, poi tagliate a pezzettini piccoli l’altra metà e unite il tutto al pomodoro.

Affettate finemente lo scalogna e il peperoncino, spremete il lime quindi unite tutto all’avocado, salate pepate a piacere e aggiungete un filo di olio.

Mettete la salsa in frigo a riposare.

Dopo circa 30 minuti stendete la pasta per le tortillas con un mattarello ricavando dei dischi grandi come una ciotola e cuoceteli in una padella leggermente unta con dell’olio di mais. 

Le tortillas saranno pronte quando si coloreranno, quindi toglietele dal fuoco e copritele con un canovaccio. 

Servitele accompagnate dalla salsa guacamole e altre verdure fresche a piacere tagliate a dadini.

NO al latte vaccino!

Le alternative al latte vaccino ormai sono tantissime, non ci sono più scuse!
In commercio potete trovare tipi di latte vegetale si varia consistenza e sapore, ideali per accontentare i palati di tutti!

Oppure potete prepararli comodamente a casa vostra!
Voi quale preferite? Io rimango sul classico latte di soia, ma in base a quello che devo preparare in cucina scelgo il latte vegetale ideale per le mie ricette!

Latte di soia (ricco di proteine, minerali)
Latte di farro
Latte di riso
Latte di avena
Latte di mandorle (riccodi calcio, potassio, magnesio, forsforo)
Latte di nocciole (ricco di proteine, potassio, calcio)
Latte di miglio
Latte di orzo
Latte di cocco (ricco di calcio, manganese, selenio, zinco, ferro)
Latte di canapa…

Non vi bastano 😉

Una SPA in casa propria

SCRUB DI SALE MARINO

  • 1 tazza di sale marino fine
  • 1/2 tazza di olio di mandorle

Mescolate bene il sale e l’olio e applicate lo scrub con le mani si tutto il corpo.

SCRUB AL CAFFÈ 

  • 1 tazza di caffè macinato fine
  • 1/2 tazza di yogurt

Mescolate bene il caffé e lo yogurt, emassaggiate tutto il corpo.

Grazie alla presenza dello yogurt la pelle risulterá subito morbida ed elastica.

SCRUB AL CAFFÉ PER LA CELLULITE

  • 500 g di caffè
  • 100 g di sale grosso
  • 30 g di olio di mandorle

Mescolate tutti gli ingredienti e passate il preparato sulle zone più colpite dalla cellulite.

SCRUB ALLE NOCI E MIELE

  • 2 cucchiaini di miele
  • 1 tazza di zucchero
  • Olio di oliva

Mescolate il miele e lo zucchero, e aggiungete tanto olio quanto basta per far assumere al preparato una consistenza morbida, ma non troppo liquida, quindi spalmatelo con le mani su tutto il corpo.

Vegan plumcake all’uvetta, un classico intramontabile!

Avevo un pochino di orzo solubile in casa che volevo usare in maniera diversa dal solito, quindi invece che tenerlo per preparare il latte vegetale la mattina ho deciso di metterlo nel mio plumcake!

Risultati immagini per plumcake orzo

Che ve ne pare? Ho avuto una buona idea?

  • 100 g di farina 0
  • 50 g di orzo solubile
  • 80 g di malto d’orzo
  • 70 ml di latte di riso
  • 50 ml di olio di girasole
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • 50 g di uvetta

Mettete in ammollo l’uvetta in una ciotola d’acqua.

In una ciotola miscelate il latte di riso con il malto d’orzo, l’orzo solubile e l’olio, unite la farina, il lievito ed il sale.

Strizzate ed asciugate l’uvetta, passatela nella farina e unitela all’impasto.

Ungete e infarinate uno stampo da plumcake e versateci il composto, quindi infornate a 180° per 40/45 minuti.

Food Movie: “Lunchbox”

I manicaretti possono ridare vitalità alla vita coniugale…o grazie ad uno sbaglio diventare il tramite tra due persone che non si conoscono, ma che vengono avvicinate proprio dal cibo…che potrebbe addirittura compromettere le loro vite reali.

Lunchbox è un film indiano del 2013 scritto e diretto da Ritesh Batra.

Dove mangiare? Ecco qualche suggerimento!

Non dimenticatevi di guardare sul mio sito i posti dove andare a mangiare, sono posti dove ho mangiato personalmente e dove potrete mangiare cose buonissime in tutta sicurezza!

DOVE MANGIARE: PROVATI PER VOI!

E se ci mangerete fatemi sapere la vostra opinione, o fatemi sapere se ci sono posti che vorreste condividere sul sito, o consigliarmi!

Anche senza il latte, la cucina può restare una fonte di soddisfazione e di gioia!

Il grande libro delle ricette senza lattosio e proteine del latte, Edizioni L’Età dell’Acquario 2014.


Quando si scopre di essere allergici o intolleranti al lattosio e alle proteine del latte, la prima domanda che ci si fa è: «E adesso cosa mangio?».

Perché moltissimi alimenti contengono latte, lattosio, siero di latte, latte in polvere o derivati, sia come ingredienti effettivi che come conservanti naturali.

Ci si sente così di fronte a una scelta comunque svantaggiosa: mettere in pericolo la salute o cambiare radicalmente in peggio la qualità della vita. In realtà, una situazione che all’inizio può mettere in grave difficoltà può trasformarsi in un’occasione per rinnovare la propria idea di cucina e per acquisire maggiore consapevolezza riguardo agli ingredienti che utilizziamo ogni giorno. 

Dopo un’interessante introduzione sulle intolleranze e le allergie alimentari, su come riconoscerle e viverle serenamente, con molti utili consigli per chi si trova ad affrontare una dieta (e una vita!) tutta nuova, l’autrice propone un’ampia scelta di ricette stuzzicanti e appetitose – tra antipasti, primi, secondi, contorni, dressing e dolci –, per intolleranti non solo al lattosio ma anche al glutine, per i vegani e per tutti coloro che condividono la loro vita e le loro scelte, ma non vogliono rinunciare ai piaceri del palato.

io e i miei libri

Anche senza il latte, la cucina può restare una fonte di soddisfazione e di gioia.