TORTINI DI BARBA DI FRATE E CECI

La barba di frate (o agretti) contiene buone concentrazioni di vitamine (soprattutto quelle del gruppo A e B) e di sali minerali come il calcio e il fosforo; si distinguono anche per il fatto di essere poco energetici, con una ridotta porzione di carboidrati ed un’irrilevante quota di proteine e lipidi.

Grazie all’elevata presenza di fibra insolubile, inoltre, la barba di frate è un alimento molto consigliato a chi soffre di stitichezza ostinata ed è adatto da inserire nelle diete dimagranti e depurative.

Che ne dite di usarla in questa ricetta deliziosa?

img_4036-2

Barba di frate, agretti

  • 400 g di barba di frate
  • 250 g di ceci lessi
  • 80 g di tofu affumicato
  • 2 foglie di alloro
  • 1 spicchio di aglio
  • latte di avena
  • Olio extravergine d’oliva
  • Sale
  • Coriandolo in grani

Mettete i ceci in una casseruola con l’alloro e 1 bicchiere di acqua e fateli cuocere fino a quando l’acqua si sarà completamente asciugata.

Lessate la barba di frate in abbondante acqua salata per 5 minuti e poi tagliatela a pezzetti.

Schiacciate l’aglio, privato dell’anima, e fatelo rosolare in padella con un filo di olio, quindi unite la barba di frate, una manciata di coriandolo e una presa di sale, e fate insaporire per 5 minuti a fuoco basso.

Togliete le foglie di alloro dai ceci e frullateli fino ad ottenere una crema , poi unitela alla barba di frate, e se risultasse troppo asciutto aggiungete un goccio di latte di avena.

Distribuite il composto in 4 coppette e lasciatelo consolidare per 5/10 minuti in forno a 180′.

Frullate il tofu affumicato e se risultasse troppo denso aggiungete un goccio di latte di avena, fino ad ottenere una salsa fluida.

Sfornate i tortini, ricopriteli con la salsa di tofu affumicato e servite.

Antipasto sfizioso!

Un antipasto sfizioso per tutti, con ingredienti buoni e semplici:

FRITTELLE DI CECI E BROCCOLI

  • 400 g di farina di ceci
  • 1 broccolo
  • 1 cucchiaino di lievito alimentare
  • 150 ml di olio extravergine d’oliva
  • sale
  • pepe
  • curry
  • olio per friggerepolpette-di-fava-keftedes-favas-L-qfG979.jpeg

Lessate il broccolo in pentola a pressione o al vapore, quindi tritatelo.

In una pentola setacciate la farina di ceci, aggiungete 350 ml di acqua, mescolando con una frusta per evitare che si formino i grumi, quindi aggiungete anche due prese di sale, pepe e una abbondante spolverata di curry, e cuocete per 10 minuti, quindi aggiungete anche il broccolo tritato e il lievito alimentare e cuocete fino a quando il composto si staccherà dalle pareti.

Versate il composto su una spianatoia umida, spianatelo ad uno spessore di circa 1 dito e lasciatelo raffreddare completamente, quindi ricavate le vostre frittelle con uno stampino e friggetele in abbondante olio caldo fino a quando saranno dorate su entrambe i lati.

MACEDONIA AL MOJITO

Una macedonia speciale per sentirsi un po’ ai Caraibi in pieno inverno! Vi piace l’idea?

  • 3 lime
  • 2 manghi
  • 1/2 papaya
  • 1/2 ananas
  • Rum
  • Foglie di menta
  • 1 cucchiaio di acqua gasata
  • Zucchero

Pestate le foglie di menta in un mortaio insieme alla scorza di lime, aggiungete un po’ di zucchero, il succo dei lime, una spruzzata di rum e l’acqua.
Tagliate la frutta a dadini e mettetela in un bicchiere, quindi versate sopra il mojito precedentemente preparato, mescolate e servite.

Carote e carote!

In realtà esistono moltissime varietà di caroteche si differenziano in primis per il colore: rossa, gialla, bianca, nera e arancione, ma ovviamente la più conosciuta e diffusa è quella arancione!spesa-colore.jpg

Le carote sono alimenti poco calorici e quasi senza grassi, ricche di fibre, alfacarotene e betacarotene, ma anche sali minerali quali potassio, ferro, calcio, fosforo, sodio, rame e magnesio, vitamina C, D, E,  B2 e B6, inoltre hanno un ruolo fondamentale nell’equilibrio e nella protezione dello stomaco: rinforzano e impermeabilizzano le pareti dello stomaco difendendolo dai microorganismi nocivi e favorendo la digestione.

Riequilibrano l’intestino, tonificano il fegato e i reni stimolando la diuresi, e rigenerano le cellule e la riparazione dei tessuti, sono dei grossi contenitori di antiossidanti e di antiinfiammatori e per questo motivo riescono a proteggere il cuore e il sistema cardiocircolatori a prevenire l’arteriosclerosi e l’invecchiamento, hanno inoltre proprietà utili per prevenire le infezioni dell’apparato respiratorio e per proteggerci dall’inquinamento!

Se siete persone che passano molto tempo davanti alla televisione, al computer o in mezzo allo smog e all’inquinamento, specialmente se siete fumatori, consumate carote perché il vostro corpo potrebbe necessitare di vitamina A (bruciata dalle cattive abitudini!) e carotenoidi.

Quindi questa sera per cena vi consiglio una bella zuppa di carote!

Facile da preparare, colorata e profumatissima grazie agli agrumi e allo zenzero!

 

  • 600 g di carote
  • 1 porro
  • 1 gambo di sedano
  • 1 cipolla
  • 2 arance
  • 1 lime
  • zenzero in polvere
  • olio extravergine d’oliva
  • miso

Preparate il brodo con il gambo di sedano, 1 carota, la cipolla e 1 cucchiaino di miso.

Nel frattempo tagliate le carote e il porro a rondelle, e tagliate la scorza di arancia e di lime a striscioline sottili.

vellutata-di-carote-586x596.jpgMettete un filo di olio in una pentola, fateci rosolare le carote e il porro per qualche minuto quindi aggiungete anche le striscioline di arancia e lime (tenendone da parte qualcuna per decorare il piatto), e un cucchiaino di zenzero, infine aggiungete un po’ di brodo vegetale, coprite con un coperchio e lasciate cuocere per 20 minuti.

Frullate il tutto allungandolo un pochino se non dovesse avere la consistenza di una crema, quindi rimettete sul fuoco e aggiungete il succo delle due arance.

Servite con un filo di olio a crudo e le striscioline di agrumi messe da parte.

Se doveste trovare le carote di altro colore sbizzarritevi a variare!

CARDI: scopriamoli e usiamoli in cucina.

LE VERDURE: “SCOPRIAMOLE” INSIEME

Quale info utile su ogni verdura e qualche consiglio su come acquistarle, come mondarle, come tagliarle e ovviamente come…cucinarle!

cardi_gratinati_seq1.jpg

IL CARDO:

il “cardo da coste” deriva dal cardo selvatico (come il carciofo); la sua parte non commestibile sono i fiori.

Diventa bianco, dolce e croccante se la pianta viene coperta con terra, paglia o teli che bloccano il passaggio della luce.

Il cardo è invernale, ed è bene evitare quello verde perché fibroso e più amaro, preferendo invece quello bianco, più grosso, con foglie ben separate che indicano la sua freschezza.

Scartate le foglie esterne e consumate i cardi crudi o cuoceteli con la tecnica della bollitura, frittura, brasatura o gratinatura.

Puliteli tagliando le costole in pezzi, sbucciando con un coltello le fibre più dure tirando i filamenti verso il basso, quindi tagliateli in pezzi più piccoli e immergeteli in acqua con limone per evitare che anneriscano ossidandosi.

CARDI IN SALSA:

  • 800 g di cardi
  • 2 teste di aglio
  • 1 limone
  • 50 g di lievito alimentare a scaglie
  • 500 ml di latte di soia
  • 2 bicchieri di olio extravergine di oliva
  • sale

Tagliate i cardi a pezzi grossi, immergeteli in acqua e limone per 10 minuti, quindi cuoceteli in abbondante acqua salata per 1 ora (scolateli quando saranno teneri).

Preparate la salsa sbucciando gli spicchi di aglio e togliendogli l’anima, quindi facendoli bollire nel latte di soia per 20 minuti; scolate gli spicchi di aglio, metteteli in una ciotola e frullateli fino a ridurli una crema, aggiungete il lievito alimentare a scaglie e un filo di olio, quindi rimetteteli sul fuoco a fiamma moderata e cuoceteli mescolando per 10 minuti.

Disponete i cardi su un piatto di portata e copriteli con la salsa.

MUFFIN PATATE E POMODORINI

Muffin salati?

Perché no?!?

Che ne dite? 😉 Sono piccoli, carini, saporiti e buonissimi!

  • 2 patate
  • 300 g di farina di ceci
  • 10 foglie di basilico
  • 10 pomodorini
  • 1 pomodoro secco sott’olio
  • Olio estravergine di oliva
  • Sale

Lessate le patate e frullatele in un mixer da cucina insieme alla farina di ceci fino ad ottenere una purea cremosa.
Unite il pomodoro secco, il basilico, i pomodorini, 2 cucchiai di olio e una presa di sale, quindi frullate il tutto.
Ungete gli stampini da muffin e versateci il composto riempiendoli per 3/4, quindi infornate a 180′ per 25 minuti.
Serviteli una volta che si saranno intiepiditi.

 

TARTARE AI TRE POMODORI

  • 1 cucchiaio di alga wakame
  • 6 pomodorini
  • 20 pomodorini datterini gialli
  • 6 pomodori secchi sott’olio
  • 1 cucchiaino di aceto di mele
  • 12 foglie di basilico
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale
  • Pepe

Mettete le alghe in ammollo in acqua per 5/10 minuti.
Tagliate i pomodori a dadini, metteteli in una ciotola e conditeli con olio, sale e pepe.
Unite le alghe scolate e tritate finemente, mescolate e servite aggiungendo le foglie di basilico.

tokita-1

Pomodorini colorati